In questo tutorial imparerai come distribuire contenuti e ridurre la latenza degli utenti finali della tua applicazione Web usando Amazon CloudFront. CloudFront velocizza la distribuzione di contenuti grazie alla propria rete globale di data center (noti come edge location), riducendo il tempo necessario per il recapito mediante la memorizzazione dei contenuti in una memoria cache vicina agli utenti finali. CloudFront individua i contenuti in un server di origine, ad esempio un bucket Amazon S3, un'istanza Amazon EC2, un sistema di bilanciamento del carico Amazon Elastic Load Balancing o un server Web personalizzato, oppure ancora già in una edge location. Il servizio può essere utilizzato per distribuire interamente un sito Web o un'applicazione, includendo contenuti dinamici, statici, interattivi e in streaming.

Nei seguenti passaggi, configureremo un bucket Amazon S3 come server di origine ed eseguiremo un test della distribuzione utilizzando un browser Web, per assicurarci che i contenuti vengano distribuiti correttamente.

Tutte le operazioni mostrate in questo tutorial possono essere eseguite nell'ambito del piano gratuito.

Per distribuire i contenuti più rapidamente è necessario un account

Accedi alla console

Il piano gratuito di AWS include 50 GB di trasferimento dati in uscita e 2.000.000 di richieste HTTP o HTTPS al mese per un anno.  

Visualizza i dettagli del piano gratuito di AWS »


In questa fase, caricheremo contenuto statico semplice in un bucket Amazon S3. Successivamente, utilizzeremo questo bucket come server di origine di CloudFront. Amazon S3 è ideale come server di origine per Amazon CloudFront, in particolare per contenuti statici quali immagini, video, pagine HTML, file .css e file .js.


a. L'immagine di esempio che utilizzeremo in questo tutorial è un file PNG chiamato cloudfront-test-image.png.  Fai clic sul pulsante sulla destra per scaricare l'immagine di esempio e assicurarti che venga salvata come cloudfront-test-image.png.

Scarica l'immagine di esempio

b. Fai clic qui e la console di gestione AWS si aprirà in una nuova finestra del browser. Digita S3 nella casella di ricerca e fai doppio clic per aprire il pannello di controllo.

tmt_faster-content-delivery-01

Fai clic per ingrandire l'immagine

tmt_faster-content-delivery-01

c. Una volta eseguito l'accesso nel pannello di controllo di S3, fai clic sul pulsante Create Bucket.

  • Bucket Name (Nome del bucket): immetti un nome per il bucket - unico e tutto in minuscolo. Per le ulteriori restrizioni del nome del bucket S3 vedi Restrizioni e limitazioni del bucket
  • Regione: puoi scegliere una regione vicino a te per ottimizzare la latenza, ridurre al minimo i costi e soddisfare i requisiti normativi.  

Seleziona Next.

Nel pannello Set properties, sono presenti diverse opzioni utili relative al bucket S3, ad esempio la funzione Versioni multiple, la registrazione di log di accesso al server, la registrazione di log a livello di oggetto e la crittografia. In questo tutorial non sarà necessario attivare queste caratteristiche.

Seleziona Next.

Nel pannello Set permissions, è possibile impostare le autorizzazioni di controllo degli accessi per il bucket. In questo tutorial non sarà necessario attivare questa caratteristica.

Seleziona Next.

Nel pannello Review, seleziona Create bucket.

tmt_faster-content-delivery-02

Fai clic per ingrandire l'immagine

tmt_faster-content-delivery-02

d. Fai doppio clic sul nome del bucket. Seleziona Upload, fai clic su Add Files e quindi indica il file cloudfront-test-image.png sul computer. 

Seleziona Next (Successivo).

tmt_faster-content-delivery-03

(fai clic per ingrandire)

tmt_faster-content-delivery-03

e. Nella scheda Set permissions, sarà necessario rendere l'immagine pubblica.  Per impostazione predefinita, la privacy degli oggetti di Amazon S3 è impostata su privata.  Modifica l'impostazione Manage public permissions selezionando "Grant public access to object(s)."

Seleziona Next.

Nella scheda Set properties, è possibile selezionare la classe di storage, la crittografia e i metadati. In questo tutorial non sarà necessario attivare queste caratteristiche.

Seleziona Next.

Nella scheda Review, verifica il file da caricare.

Seleziona Upload (Carica).

tmt_faster-content-delivery-04

(fai clic per ingrandire)

tmt_faster-content-delivery-04

Una volta che i contenuti vengono caricati su Amazon S3, è possibile utilizzare la console di Amazon CloudFront per distribuire contenuti agli utenti finali in tutto il mondo.


a. Fai clic qui e la console di gestione AWS si aprirà in una nuova scheda del browser.  Trova CloudFront sotto Storage e distribuzione di contenuti e fai clic per aprire la console di Amazon CloudFront.

tmt_faster-content-delivery-06

Fai clic per ingrandire l'immagine

tmt_faster-content-delivery-06

b. Seleziona Create Distribution (Crea distribuzione).


 

tmt_faster-content-delivery-07

Fai clic per ingrandire l'immagine

tmt_faster-content-delivery-07

Una distribuzione Web specifica le impostazioni di configurazione in modo che CloudFront sappia da quale origine ottenere i tuoi contenuti quando un utente li richiede. È possibile utilizzare i bucket di Amazon S3 (cartelle dello storage) e i server HTTP (ad esempio, server Web) come origine.


a. Come prima cosa scegli il metodo di recapito per i tuoi contenuti.  Una distribuzione Web viene utilizzata per i contenuti statici e dinamici mentre la distribuzione RTMP, è l'ideale per lo streaming dei file multimediali che utilizzano il protocollo RTMP di Adobe Flash Media Server.

Siccome cloudfront-test-image.png è un’immagine statica, seleziona Get Started (Inizia) sotto l'opzione Web.

tmt_faster-content-delivery-08

Fai clic per ingrandire l'immagine

tmt_faster-content-delivery-08

b. Ora configurerai le impostazioni. 

In Nome del dominio di origine, seleziona il nome del bucket S3 dove hai archiviato cloudfront-test-image.png.

Puoi lasciare le altre impostazioni di configurazione con i valori predefiniti per questo tutorial.  Per ulteriori informazioni sulle impostazione di configurazione, fai clic sul menu a tendina seguente.

Impostazioni predefinite per il comportamento della cache:

Impostazioni di distribuzione:

  • Categoria di prezzo CloudFront ha tre categorie di prezzo determinate dal numero di Edge location che desideri supportare in tutto il mondo. Per impostazione predefinita, CloudFront usa tutte le edge location per garantire le migliori prestazioni. Per ulteriori informazioni, consulta Prezzi di Amazon CloudFront.
  • AWS WAF ACL Web: se desideri consentire o bloccare le richieste HTTP e HTTPS in base a criteri specificati, scegli l'ACL Web per associarla con questa distribuzione. Per ulteriori informazioni, consulta la Guida AWS WAF per sviluppatori.
  • I nomi di dominio alternativo: CloudFront assegnerà automaticamente un nome di dominio al momento della creazione di una distribuzione Web (per esempio, http://abcdefghi888.cloudfront.net/filename.jpg). È anche possibile specificare il tuo nome di dominio negli URL per i tuoi oggetti (ad esempio http://yourDomain.com/filename.jpg) una volta aggiornata la configurazione DNS per instradare le query DNS ala tua distribuzione CloudFront . Per questo tutorial, lascia il campo vuoto.
  • Certificato SSL: CloudFront fornisce un certificato predefinito, oppure puoi specificare un certificato SSL personalizzato.
  • Oggetto root predefinito: qui è dove specifichi quale oggetto CloudFront deve richiedere al server di origine quando un utente richiede solo l'URL root della distribuzione. Ad esempio, se un utente richiede http://www.example.com/, tu puoi specificare che venga inviato http://www.example.com/product-description.html. Specificare un oggetto root predefinito evita di esporre il contenuto della distribuzione.
  • Logging: CludFront può effettuare il log delle informazioni su ogni richiesta di oggetto e memorizzare i file di log in un bucket Amazon S3. Non vi è alcun costo aggiuntivo per abilitare l'esecuzione del log, ma si accumulano gli addebiti di Amazon S3 per lo storage e l'accesso ai file.
  • Bucket per i log: se viene specificato un bucket di Amazon S3 in cui memorizzare i log di accesso, CloudFront può registrare le informazioni su ogni richiesta dell'utente per un oggetto e memorizzare i file nel bucket Amazon S3 specificato. Puoi attivare o disattivare l'esecuzione del log in qualsiasi momento. Per ulteriori informazioni sui log di accesso CloudFront, consulta Log di accesso.
  • Prefisso del log: se si sceglie Esegui il log, è possibile specificare la stringa che CloudFront utilizzerà come prefisso per i nomi dei file log di accesso per questa distribuzione. Per ulteriori informazioni sui log di accesso CloudFront, consulta Log di accesso.
  • Log dei cookie: se usi Amazon S3 come server di origine per i tuoi oggetti, Amazon S3 non elaborerà i cookie, perciò, a meno che la tua distribuzione non includa anche Amazon EC2 o un'altra origine personalizzata, è necessario selezionare Disattivato per il valore del Log dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie, consulta Configurazione del CloudFront per la cache degli oggetti basati sui cookie.
  • Commenta: è possibile inserire i commenti che desideri salvare con la distribuzione.
  • Stato della distribuzione: l’impostazione predefinita è Enabled (Abilitata). Ciò significa che i tuoi contenuti saranno disponibili non appena creata la distribuzione.
tmt_faster-content-delivery-09

Fai clic per ingrandire l'immagine

tmt_faster-content-delivery-09

Una volta configurata, CloudFront creerà la distribuzione e la propagherà in tutta la rete di CloudFront per consentirne l'utilizzo.  Seleziona Create Distribution.  

Una volta completato il processo, la colonna di stato cambia da In progress (In corso) a Deployed (Distribuita).

Nota: quest'operazione potrebbe richiedere alcuni minuti.

Il nome del dominio che CloudFront assegna per la distribuzione compare nell'elenco delle distribuzioni. Ricordalo, ti sarà necessario per la fase successiva. Fai clic sul campo ID della distribuzione e verrai indirizzato a una pagina dove potrai vedere dominio CloudFront completo sotto a Nome del dominio.

tmt_faster-content-delivery-10

Fai clic per ingrandire l'immagine

tmt_faster-content-delivery-10

Una volta creata una distribuzione Web, è possibile testarla verificando che CloudFront ottenga l'oggetto dall'origine e lo restituisca a un browser Web.  Per questo test, ti sarà necessario il nome di dominio di CloudFront dalla Fase 4 e il nome dell'immagine caricato nel bucket S3 nella fase 1.


a. Apri un editor di testo sul tuo computer. Copia e incolla il seguente codice HTML:

Il mio test CloudFront

Il mio testo di testo va qui.

my test image

  • Sostituisci il nome del dominio con il nome del dominio CloudFront assegnato alla tua distribuzione, ad esempio d111111abcdef8.cloudfront.net.
  • Sostituisci il nome dell'oggetto con il nome del file immagine nel bucket Amazon S3 – nel nostro caso, cloudfront-test-image.png.
  • Salva il testo in un file come mycloudfronttest.html.

b. Apri la tua pagina Web in un browser per assicurarti che sia possibile visualizzare i tuoi contenuti. 

cloudfront-16

Fai clic per ingrandire l'immagine

cloudfront-16

Puoi disabilitare facilmente la distribuzione dalla console di CloudFront. Eliminare le risorse non più in uso è una best practice consigliata per evitare di pagare per risorse inutilizzate. Tuttavia, ricorda che quando la distribuzione viene disabilitata, i siti Web supportati da quella distribuzione saranno inattivi e i contenuti non saranno più accessibili agli utenti finali.


a. Seleziona la casella di controllo accanto alla distribuzione creata e fai clic su Disable (Disabilita).

tmt_faster-content-delivery-11

Fai clic per ingrandire l'immagine

tmt_faster-content-delivery-11

b. Ti verrà chiesto di confermare – fai clic su Yes, Disable (Sì, disabilita).

tmt_faster-content-delivery-12

Fai clic per ingrandire l'immagine

tmt_faster-content-delivery-12

Hai creato la tua prima distribuzione Web di Amazon CloudFront e distribuito un foglio di contenuti statici ospitati dal cloud tramite Amazon S3. Con le opportune modifiche alla configurazione, potrai usare CloudFront per distribuire in tempo reale contenuti dinamici ed eventi dal vivo quali riunioni, conferenze o concerti su HTTP o HTTPS. Amazon CloudFront permette di velocizzare la distribuzione di siti Web e applicazioni, inclusi contenuti dinamici, statici, interattivi e in streaming.

Ora che sei in grado di impostare una distribuzione Web e distribuire contenuti statici con Amazon CloudFront, puoi fare domande ai nostri esperti durante le prossime sessioni Office Hours o i Tech Talk.

Nozioni di base su Amazon CloudFront >>

 

No