D: Cos'è AWS IoT?

AWS IoT è una piattaforma cloud gestita che consente a dispositivi connessi di interagire in modo semplice e sicuro con applicazioni nel cloud e altri dispositivi. AWS IoT è in grado di supportare miliardi di dispositivi e migliaia di miliardi di messaggi, ed è in grado di elaborare e instradare tali messaggi agli endpoint di AWS e ad altri dispositivi in modo sicuro e affidabile. Con AWS IoT, le applicazioni rimangono collegate e comunicano con tutti i dispositivi, in qualsiasi momento, anche quando non sono collegati.

AWS IoT semplifica l'utilizzo di servizi AWS quali AWS Lambda, Amazon Kinesis, Amazon S3, Amazon Machine Learning, Amazon DynamoDB, Amazon CloudWatch, AWS CloudTrail e Amazon Elasticsearch Service con Kibana integrato, consentendo di creare applicazioni IoT che raccolgono, elaborano, analizzano e operano sui dati generati dai dispositivi connessi, senza dover gestire alcuna infrastruttura.

D: Cosa offre AWS IoT?

Connettività tra i dispositivi e il cloud AWS. Innanzitutto, con AWS IoT puoi comunicare con i dispositivi connessi in modo sicuro, con una bassa latenza e con un basso overhead. La comunicazione si può scalare a tutti i dispositivi che desideri. Il servizio AWS IoT supporta i protocolli di comunicazione standard (attualmente sono supportati HTTP, MQTT e WebSockets). La comunicazione è protetta tramite TLS.

Connettività tra i dispositivi e il cloud AWS. Innanzitutto, con AWS IoT puoi comunicare con i dispositivi connessi in modo sicuro, con una bassa latenza e con un basso overhead. La comunicazione si può scalare a tutti i dispositivi che desideri. Il servizio AWS IoT supporta i protocolli di comunicazione standard (attualmente sono supportati HTTP, MQTT e WebSockets). La comunicazione è protetta tramite TLS.

Elaborazione dei dati inviati dai dispositivi connessi. In secondo luogo, con AWS IoT si possono continuamente introdurre, filtrare, trasformare e inoltrare i dati provenienti dai dispositivi connessi. Puoi svolgere azioni in base ai dati e inviarli a ulteriore elaborazione e analisi.

Interazione delle applicazioni con i dispositivi connessi. Infine, il servizio AWS IoT accelera lo sviluppo delle applicazioni IoT. Funge da intuitiva interfaccia per le applicazioni in esecuzione nel cloud e sui dispositivi mobili, per accedere ai dati inviati da dispositivi connessi e re-inviare dati e comandi ai dispositivi.

D: Come funziona AWS IoT?

I dispositivi connessi, come sensori, attuatori, dispositivi integrati, elettrodomestici intelligenti e dispositivi indossabili, si connettono a AWS IoT tramite HTTPS, WebSockets o MQTT protetto. In AWS IoT è incluso un gateway dei dispositivi che consente la comunicazione bidirezionale sicura, a bassa latenza e basso overhead tra i dispositivi connessi, il tuo cloud e le tue applicazioni mobili.

Il servizio AWS IoT contiene anche un motore di regole che consente l'elaborazione continua dei dati inviati dai dispositivi connessi. Puoi configurare le regole per filtrare e trasformare i dati. Puoi inoltre configurare le regole per inoltrare i dati ad altri servizi AWS come DynamoDB, Kinesis, Lambda, SNS e SQS, nonché ai servizi non AWS, tramite Lambda, per ulteriore elaborazione, archiviazione o analisi.

È disponibile anche un registro dei dispositivi in cui puoi registrare e seguire i dispositivi connessi ad AWS IoT o dispositivi i che potrebbero essere connessi in futuro. Le shadow dei dispositivi nel servizio AWS IoT consentono al cloud e alle applicazioni mobili di interrogare i dati inviati dai dispositivi e di inviare comandi ai dispositivi, utilizzando una semplice API REST, lasciando che AWS IoT gestisca la comunicazione sottostante con i dispositivi. Le shadow accelerano lo sviluppo delle applicazioni, fornendo un'interfaccia uniforme per i dispositivi, anche quando utilizzano uno dei numerosi protocolli di comunicazione e di sicurezza IoT con cui le applicazioni potrebbero non essere compatibili. Le shadow accelerano anche lo sviluppo delle applicazioni, fornendo un'interfaccia sempre disponibile per i dispositivi, anche quando i dispositivi connessi sono vincolati da connettività instabile, larghezza di banda, scarsa capacità di elaborazione o potenza.

La comunicazione con AWS IoT è protetta. Il servizio richiede a tutti i suoi client (dispositivi connessi, applicazioni server, applicazioni mobili o utenti umani) di utilizzare un'autenticazione efficace (certificati X.509, credenziali AWS IAM o autenticazione di terzi tramite AWS Cognito). Tutte le comunicazioni sono crittografate. AWS IoT offre anche l'autorizzazione granulare per isolare e proteggere le comunicazioni tra i client autenticati.

Come in altri servizi di AWS, gli utenti possono accedere a AWS IoT tramite la Console di gestione AWS e la linea di comando. Le applicazioni possono accedere facilmente a AWS IoT con le SDK di AWS disponibili per diversi linguaggi di programmazione. AWS IoT semplifica ulteriormente lo sviluppo e il controllo delle applicazioni IoT, grazie all'integrazione con Amazon CloudWatch.

Per semplificare lo sviluppo del codice in esecuzione sui dispositivi connessi, AWS IoT fornisce le SDK per dispositivi open source per C, Node.js, e la piattaforma Arduino Yún. AWS IoT ha anche collaborato con dei produttori di hardware per rendere le SDK per dispositivi AWS IoT disponibili su diverse piattaforme IoT, sistemi operativi integrati e micro-controller.

D: In quali regioni AWS è disponibile il servizio AWS IoT?

AWS IoT è attualmente disponibile nelle seguenti regioni AWS:

• Stati Uniti orientali (Virginia settentrionale)
• Stati Uniti orientali (Ohio)
• Stati Uniti occidentali (Oregon)
• UE (Irlanda)
• UE (Francoforte)
• UE (Londra)
• Asia Pacifico (Cina)
• Asia Pacifico (Sydney)
• Asia Pacifico (Seoul)
• Asia Pacifico (Tokyo)
• Asia Pacifico (Singapore)

 

È possibile utilizzare AWS IoT indipendentemente dalla posizione geografica, purché si abbia accesso a una delle regioni AWS citate.

D: Come si inizia a usare AWS IoT?

Utilizza la console di AWS IoT oppure consulta la sezione Quickstart della nostra guida per gli sviluppatori, per provare il servizio AWS IoT in pochi minuti.

Inoltre, puoi dare un'occhiata agli Starter Kit forniti dai nostri partner.

Consulta la documentazione di AWS IoT per ulteriori dettagli.

D: Quali lingue supporta la console AWS IoT?

La console AWS IoT supporta l'inglese, il cinese semplificato, il francese e il giapponese.

D: Come si cambia la lingua della console?

Per selezionare una lingua, fai clic sulla lingua nell'angolo in basso a sinistra della console. La lingua selezionata verrà utilizzata da tutte le console dei servizi AWS.

 

D: In che modo si accede a AWS IoT?

Per accedere al servizio AWS IoT è possibile utilizzare la Console di gestione AWS, le SDK di AWS, la riga di comando di AWS e le API di AWS IoT. I dispositivi connessi possono utilizzare le SDK dei dispositivi AWS IoT per semplificare la comunicazione con il servizio AWS IoT.

Le API di AWS IoT e comandi sono per lo più suddivise in operazioni sul piano del controllo e operazioni sul piano dei dati. Le operazioni sul piano del controllo consentono di svolgere attività come la configurazione della protezione, la registrazione dei dispositivi, la configurazione di regole per l'inoltro dei dati e la configurazione dei registri. Le operazioni sul piano dei dati consentono di inserire i dati provenienti da dispositivi connessi in AWS IoT con bassa latenza e alta velocità di throughput, su larga scala.

D: Quali protocolli di comunicazione e autenticazione supporta AWS IoT?

Per le operazioni sul piano del controllo, AWS IoT supporta il protocollo HTTPS. Per le operazioni sul piano dei dati, AWS IoT supporta i protocolli HTTPS, WebSockets e MQTT protetto, un protocollo usato spesso negli ambienti IoT.

Le richieste inviate tramite HTTPS e WebSockets a AWS IoT vengono autenticate utilizzando AWS IAM o AWS Cognito, che supportano entrambi l'autenticazione AWS SigV4. Se utilizzi le SDK di AWS o la riga di comando di AWS, l'autenticazione SigV4 viene eseguita automaticamente. Le richieste HTTPS possono essere autenticate utilizzando i certificati X.509. I messaggi MQTT per AWS IoT vengono autenticati con i certificati X.509.

Con AWS IoT puoi impiegare sia i certificati generati dal servizio stesso sia quelli firmati dalle autorità di certificazione preferenziali.

D: I dispositivi non connessi direttamente a Internet possono accedere a AWS IoT?

Sì, attraverso un hub fisico. I dispositivi connessi a una rete IP privata e quelli che utilizzano protocolli radio non-IP come ZigBee o Bluetooth LE possono accedere a AWS IoT se dispongono di un hub fisico che agisce come intermediario tra loro e AWS IoT per la comunicazione e la sicurezza.

D: In che modo le applicazioni devono accedere a AWS IoT?

Le applicazioni che si connettono a AWS IoT rientrano generalmente in due categorie: 1. applicazioni complementari e 2. applicazioni server. Le applicazioni complementari sono applicazioni browser o lato client per dispositivi mobili che interagiscono con i dispositivi connessi tramite il cloud. Un'app per dispositivi mobili che consente a un utente remoto di sbloccare una serratura intelligente nella propria casa è un esempio di applicazione complementare. Le applicazioni server sono progettate per monitorare e controllare un gran numero di dispositivi connessi contemporaneamente. Un esempio di applicazione server può essere un sito per la gestione di una flotta, che segue migliaia di camion su una mappa in tempo reale.

AWS IoT consente sia alle applicazioni complementari sia alle applicazioni server di accedere ai dispositivi connessi tramite API RESTful uniformi. Le applicazioni possono anche utilizzare un pattern pub/sub per comunicare direttamente con i dispositivi connessi.

In genere le applicazioni complementari eseguono l'autenticazione utilizzando le identità degli utenti finali, gestite mediante il proprio identity store o un identity provider esterno, come Facebook e il login con Amazon. Per le applicazioni complementari si utilizza Amazon Cognito, che si integra con diversi identity provider. Le identità di Cognito possono essere autorizzate ad accedere AWS IoT e il loro accesso può essere limitato solo alle risorse pertinenti. Ad esempio, un produttore di lavatrici connesse può autorizzare i consumatori ad accedere solo alle informazioni AWS IoT relative alla loro lavatrice personale.

Le applicazioni server (come le applicazioni di mapping in esecuzione su Amazon EC2) possono utilizzare i ruoli IAM per accedere a AWS IoT.

D: È possibile ottenere uno storico di tutte le chiamate alle API AWS IoT effettuate sull'account per analizzare la sicurezza e per la risoluzione dei problemi operativi?

Per ricevere uno storico di tutte le chiamate delle API di AWS IoT effettuate sul tuo account, è sufficiente attivare CloudTrail nella Console di gestione AWS.

Quali novità offre la console?
La console AWS IoT supporta l'inglese, il cinese semplificato e il francese.

D: Come si cambia la lingua della console?
Per selezionare una lingua, fai clic sulla lingua nell'angolo in basso a sinistra della console. La lingua selezionata verrà utilizzata da tutte le console dei servizi AWS.

In che modo è possibile inviare un feedback?
Per inviare feedback, fai clic sul collegamento "Feedback" nella barra inferiore della console.

D: Cos'è il gateway dei dispositivi AWS IoT?

Il gateway dei dispositivi rappresenta l'asse portante della comunicazione tra i dispositivi connessi e le funzionalità cloud, come il motore delle regole di AWS, le shadow dei dispositivi e altri servizi di AWS e di terzi.

Il gateway dei dispositivi supporta il pattern di comunicazione pub/sub, che consente una comunicazione scalabile, a bassa latenza e a basso overhead. È particolarmente utile per gli ambienti IoT in cui si prevede che miliardi di dispositivi comunichino frequentemente e con un ritardo minimo. Il pub/sub prevede dei client che pubblicano messaggi su canali di comunicazione logici chiamati "argomenti" e dei client che si iscrivono agli argomenti per ricevere i messaggi. Il gateway dei dispositivi consente la comunicazione tra chi pubblica e chi riceve. Tradizionalmente, le organizzazioni dovevano predisporre, controllare, ridimensionare e mantenere i propri server come gateway di dispositivi per trarre vantaggio dal pattern pub/sub. Il servizio AWS IoT ha eliminato questa barriera mettendo a disposizione i gateway dei dispositivi di AWS IoT.

Il gateway dei dispositivi si ridimensiona automaticamente con l'uso, senza sovraccarico operativo per l'utente. AWS IoT supporta la comunicazione protetta con il gateway dei dispositivi, l'isolamento a livello di account AWS e l'autorizzazione granulare all'interno di un account AWS. Il gateway dei dispositivi attualmente supporta la pubblicazione e l'iscrizione agli argomenti tramite MQTT e WebSockets sicuri, oltre alla pubblicazione tramite HTTPS.

D: Cos'è MQTT?

MQTT è un protocollo pub/sub leggero, progettato per ridurre al minimo le esigenze di larghezza di banda e di risorse dei dispositivi. MQTT supporta anche la comunicazione sicura tramite TLS. MQTT si usa spesso negli ambienti IoT. MQTT v3.1.1 è uno standard OASIS e il gateway dei dispositivi AWS IoT supporta la maggior parte delle specifiche di MQTT.

D: Cos'è il motore delle regole di AWS IoT?

Il motore delle regole di AWS IoT consente l'elaborazione continua dei dati in ingresso provenienti da dispositivi connessi al servizio AWS IoT. Si possono configurare le regole nel motore delle regole con una sintassi intuitiva, simile a SQL, per filtrare e trasformare automaticamente i dati in arrivo. È possibile configurare ulteriormente le regole per inoltrare i dati dal servizio AWS IoT a diversi altri servizi AWS, come i propri servizi personali o quelli di terzi.
Ecco alcuni esempi di utilizzo delle regole:
• Filtrare e trasformare i messaggi in arrivo e archiviarli come dati di serie temporali di DynamoDB.
• Inviare una notifica push tramite SNS quando i dati provenienti da un sensore superano una certa soglia.
• Salvare un file del firmware in S3
• Elaborare simultaneamente i messaggi provenienti da numerosi dispositivi con Kinesis
• Richiamare Lambda per l'elaborazione personalizzata dei dati in arrivo
• Inviare un comando a un gruppo di dispositivi con ri-pubblicazione automatizzata

D: Come si definiscono e si attivano le regole?

Una regola AWS IoT è formata da due parti principali:

  • Un'istruzione SQL che specifica gli argomenti pub/sub a cui applicare la regola, l'eventuale trasformazione dei dati da attuare e la condizione alla quale la regola deve essere eseguita. La regola si applica a ogni messaggio pubblicato sugli argomenti specificati.
  • Un elenco di azioni che definisce le azioni da svolgere quando la regola viene eseguita, cioè quando un messaggio in arrivo soddisfa la condizione specificata nella regola.

Le definizioni delle regole utilizzano uno schema basato su JSON. È possibile modificare direttamente il JSON o utilizzare l'editor di regole nella Console di gestione AWS.
Come esempio, ecco una regola per il salvataggio dei dati relativi alla temperatura inviati da un sensore a DynamoDB quando la temperatura supera i 50 gradi:

{

"sql": "SELECT * from 'iot/tempSensors/#' WHERE temp > 50",

"description": "Regola per salvare i dati del sensore quando la temperatura è di circa 50 gradi",

"actions": [

{

"dynamoDB": {

"tableName": "HighTempTable",

"roleArn": "arn:aws:iam::your-aws-account-id:role/dynamoPut",

"hashKeyField": "key",

"hashKeyValue": "${topic(3)}",

"rangeKeyField": "timestamp",

"rangeKeyValue": "${timestamp()}"

}

      }

  ]

}

In questo esempio i sensori pubblicano informazioni sui propri argomenti in "iot/tempSensors/". La prima riga della regola definisce l'istruzione SQL SELECT utilizzata per interrogare sull'argomento "iot/tempSensors/#". Contiene una clausola WHERE che estrae il valore di un campo "temp" nel payload del messaggio e controlla se soddisfa la condizione "superiore a 50". Se la condizione è soddisfatta, i dati vengono memorizzati nella tabella DynamoDB specificata. L'esempio utilizza funzioni integrate per attività come esaminare il payload del messaggio e ottenere l'ora attuale.

D: Dove posso trovare ulteriori informazioni sulle regole?

Sono disponibili ulteriori informazioni sulle regole qui: Documentazione sulle regole di AWS IoT

D: Cos'è il registro dei dispositivi di AWS IoT e a cosa serve?

Gli ambienti IoT possono variare da pochi dispositivi di tipo mission-critical a grandi flotte di dispositivi. Il registro dei dispositivi di AWS IoT consente di organizzare e monitorare i dispositivi. È possibile tenere un riferimento logico nel registro dei dispositivi per ogni dispositivo connesso a AWS IoT. Ogni dispositivo nel registro dei dispositivi si può identificare in modo univoco e può avere dei metadati, come il numero di modello, i dati di contatto dell'assistenza e i certificati associati. È possibile cercare i dispositivi connessi nel registro dei dispositivi in base ai metadati.

D: Cos'è un Thing Type?

I Thing Type consentono di gestire in modo efficiente i dispositivi definendo caratteristiche comuni per quelli che appartengono a una stessa categoria. Inoltre, un oggetto associato a un Thing Type può essere associato a 50 attributi, di cui 3 ricercabili.

D: Cos'è Simplified Permission Management?

Questa caratteristica permette di gestire con la massima semplicità le policy di autorizzazione per un numero elevato di dispositivi utilizzando variabili che fanno riferimento a registro o a proprietà del certificato X.509. L'integrazione tra registro e proprietà del certificato con le policy di dispositivo offre diversi vantaggi:

  • Consente di fare riferimento alle proprietà del registro del dispositivo nelle policy di autorizzazione del dispositivo. Fare riferimento alle proprietà definite nel registro del dispositivo consente alle policy di riflettere le variazioni apportate al registro. Ad esempio, facendo riferimento al Thing Attribute denominato "building-address" come variabile di una policy, i dispositivi erediteranno un nuovo insieme di autorizzazioni quando si spostano da un edificio a un altro.
  • Permette di condividere una singola policy generica per più dispositivi. Una policy generica potrà essere condivisa nella stessa categoria di tuti i dispositivi, senza dover creare una policy per ciascun dispositivo. Ad esempio, una policy che farà riferimento alla variabile "serial-number" può essere allegata a tutti i dispositivi che condividono il modello. Quando dispositivi con lo stesso numero di serie si collegano, le variabili verranno automaticamente sostituite dal valore di serial-number.

D: cosa sono le shadow dei dispositivi?

Le shadow dei dispositivi consentono al cloud e alle applicazioni per dispositivi mobili di interagire facilmente con i dispositivi connessi registrati in AWS IoT. La shadow di un dispositivo in AWS IoT contiene le proprietà del dispositivo connesso. È possibile definire qualsiasi set di proprietà per ogni caso specifico. Ad esempio, per una lampadina intelligente, è possibile definire proprietà come "accesa-o-spenta", "colore" e "luminosità". Il dispositivo connesso dovrà indicare i valori effettivi di queste proprietà, che vengono memorizzati nel dispositivo shadow. Le applicazioni ottengono e aggiornano le proprietà semplicemente utilizzando un'API RESTful fornita dal servizio AWS IoT. Il servizio AWS IoT e le SDK dei dispositivi AWS IoT sincronizzano i valori delle proprietà tra il dispositivo connesso e la sua shadow in AWS IoT.

D: È necessario utilizzare il registro dei dispositivi e le shadow dei dispositivi?

Puoi far comunicare le applicazioni direttamente con i dispositivi connessi tramite il gateway dei dispositivi e/o il motore delle regole di AWS IoT. Tuttavia è consigliabile utilizzare il registro dei dispositivi e le shadow dei dispositivi perché offrono uno sviluppo più ricco e strutturato e un'esperienza di gestione che consente di concentrarsi sul valore specifico da creare per i clienti, anziché concentrarsi sulla comunicazione sottostante e sulla sincronizzazione tra i dispositivi connessi e il cloud.

D: Qual è il ciclo di vita di un dispositivo e della sua shadow in AWS IoT?

• Si registra il dispositivo (ad esempio una lampadina) nel registro dei dispositivi.
• Si programma il dispositivo connesso affinché pubblichi un set dei propri valori di proprietà o di stato ("Sono accesa e il mio colore è il rosso") destinato al servizio AWS IoT.
• L'ultimo stato segnalato viene memorizzato nella shadow del dispositivo in AWS IoT.
• Un'applicazione (ad esempio un'app mobile che controlla la lampadina) utilizza un'API RESTful per interrogare AWS IoT in merito all'ultimo stato segnalato dalla lampadina, evitando la complessità di comunicare direttamente con la lampadina.
• Quando un utente vuole modificare lo stato (ad esempio spegnendo la lampadina), l'applicazione utilizza un'API RESTful per richiedere un aggiornamento, ovvero imposta uno stato "desiderato" per il dispositivo in AWS IoT. AWS IoT sincronizza lo stato desiderato sul dispositivo.
• L'applicazione riceve una notifica quando il dispositivo connesso aggiorna il proprio stato passando allo stato desiderato.

D: Dove posso trovare ulteriori informazioni sul registro dei dispositivi e sulle shadow dei dispositivi?

Per ulteriori informazioni sul registro dei dispositivi puoi consultare la sezione AWS IoT Device Registry. Per ulteriori informazioni sulle shadow puoi consultare la sezione AWS IoT Device Shadows.

D: Posso configurare le autorizzazioni granulari in AWS IoT?

Sì. Come altri servizi di AWS, AWS IoT offre il controllo granulare del set di azioni API che ogni identità è autorizzata a richiamare. Inoltre offre il controllo granulare sugli argomenti pub/sub che un'identità può pubblicare o ricevere, oltre che sui dispositivi e sulle shadow nel registro dei dispositivi a cui un'identità può accedere.

D: Dove posso trovare ulteriori informazioni sulla sicurezza e sul controllo degli accessi in AWS IoT?

Per ulteriori informazioni, consulta la sezione AWS IoT Security and Identity.

D: Cosa si intende per registrazione di certificati Just-in-time?

La registrazione Just-in-time o JITR (Just-in-time Registration) di certificati di dispositivo consente di potenziare la funzione "Use Your Own Certificate" lanciata ad aprile 2016 per semplificare la procedura di registrazione di dispositivi con AWS IoT. Prima che fosse adottato il supporto per JITR, la procedura di registrazione dei dispositivi prevedeva due fasi: la registrazione del certificato dell'autorità di certificazione per AWS IoT e la registrazione dei singoli certificati di dispositivo firmati dall'autorità. Grazie alla funzione JITR, è ora possibile completare la seconda fase procedendo alla registrazione automatica dei certificati alla prima connessione dei dispositivi ad AWS IoT. In questo modo è possibile risparmiare tempo sulla registrazione dei certificati, mentre i dispositivi possono rimanere offline durante il processo di produzione. Per automatizzare ulteriormente il provisioning dei dispositivi IoT, è anche possibile creare una regola di AWS IoT con un'operazione Lambda che attivi i certificati e alleghi le policy. Per ulteriori informazioni, consulta il blog sull'Internet of Things di AWS o la documentazione per sviluppatori.

D: Qual è la SDK dei dispositivi AWS IoT?

Le SDK dei dispositivi AWS IoT semplificano e accelerano lo sviluppo del codice eseguibile sui dispositivi connessi (micro-controller, sensori, attuatori, elettrodomestici intelligenti, dispositivi indossabili e così via). Innanzitutto, utilizzando le SDK i dispositivi possono ottimizzare la memoria, il consumo energetico e l'occupazione della banda di rete. Allo stesso tempo le SDK dei dispositivi consentono una comunicazione ad alta sicurezza, con bassa latenza e basso overhead, con supporto TLS, WebSockets e MQTT integrato. Le SDK dei dispositivi accelerano anche lo sviluppo delle applicazioni IoT supportando astrazioni di livello superiore, come la sincronizzazione dello stato di un dispositivo con la sua shadow nel servizio AWS IoT.

Le SDK dei dispositivi di AWS IoT sono disponibili gratuitamente come progetti open source. Per maggiori informazioni, visita la nostra pagina Device SDK.

D: Quali linguaggi di programmazione e piattaforme hardware supportano le SDK dei dispositivi AWS IoT?

AWS offre attualmente le SDK dei dispositivi AWS IoT per i linguaggi C e Node.js, oltre che per la piattaforma Arduino Yún.

Inoltre, diversi produttori di hardware hanno collaborato con AWS per rendere disponibili le SDK dei dispositivi AWS IoT sulle rispettive piattaforme. Ulteriori informazioni sulle piattaforme hardware sono disponibili sulla nostra pagina Getting Started.

Infine, le SDK dei dispositivi AWS IoT sono open source. Puoi adattarle ai linguaggi e alle piattaforme hardware che preferisci, se non sono già supportate.

 

D: Devo usare le SDK dei dispositivi AWS IoT o le SDK di AWS?

Le SDK dei dispositivi AWS IoT fungono da complemento per le SDK di AWS. I progetti IoT spesso comportano l'esecuzione di codice su micro-controller e altri dispositivi con risorse limitate. Tuttavia, i progetti IoT includono spesso applicazioni in esecuzione nel cloud e su dispositivi mobili che interagiscono con i micro-controller o con dispositivi con risorse limitate. Le SDK dei dispositivi di AWS IoT sono progettate per essere utilizzate su micro-controller e dispositivi con risorse limitate, mentre le SDK di AWS sono progettate per il cloud e le applicazioni mobili.

D: Dove posso trovare ulteriori informazioni sulle SDK per dispositivi AWS IoT?

Per ulteriori informazioni sulle SDK per dispositivi AWS IoT puoi consultare la sezione AWS IoT Device SDKs.

D: Il servizio AWS IoT è disponibile nel piano gratuito di AWS?

Sì. Nell'ambito del piano gratuito di AWS, AWS IoT offre 250.000 messaggi al mese senza costi per i primi 12 mesi.

D: Quanto costa AWS IoT?

Per ulteriori informazioni consulta la nostra pagina dei prezzi.