Si possono utilizzare i contenitori per creare applicazioni distribuite suddividendo un’applicazione in attività o processi indipendenti (per es., microservizi). Ad esempio, ci possono essere contenitori separati per il server Web, il server d’applicazione, l’accodamento messaggi e gli operatori di back-end. I contenitori sono ideali per eseguire attività o processi singoli, quindi possono essere usati come unità di base per un’attività quando di aumenta o diminuisce. Ogni componente della tua applicazione può essere creato da immagini di contenitori diverse. I contenitori Docker consentono di isolare un processo, permettendo di mettere e scalare i vari componenti parallelamente, indipendentemente dal linguaggio di programma o le librerie eseguite in ogni contenitore.

Ulteriori informazioni »

Amazon Elastic Container Service

Nozioni di base

Si possono utilizzare contenitori per operazioni di batch e ETL creando un pacchetto con l’operazione in un contenitore e distribuendola in un cluster condiviso. Si possono eseguire versioni diverse della stessa operazione o più operazioni sullo stesso cluster o persino sulla stessa istanza poiché i contenitori sono isolati. Si può anche condividere la capacità di un cluster con altri processi come applicazioni e approfittare delle fluttuazioni nel carico del cluster. Si possono iniziare le operazioni rapidamente e aumentarle dinamicamente in risposta alla domanda, migliorando l’utilizzo delle risorse.

Si possono usare i contenitori per l’integrazione e la distribuzione continua perché Docker fornisce un sistema di versione di immagini. Si può configurare il processo di build in modo da estrarre il codice da un repository, compilarlo, creare un pacchetto come immagine Docker e inviare la nuova immagine nel repository delle immagini. Poi si può configurare il processo di distribuzione in modo che estragga la nuova immagine dal repository, esegua il test dell’applicazione e la distribuisca ai server di produzione. Questo evita i casi in cui un’applicazione funziona nell’ambiente di sviluppo ma non in produzione perché il daemon Docker è lo stesso sulle macchine di sviluppo, di gestione temporanea e di produzione.

Nozioni di base »