AWS Managed Services
Cloud AWS
Per ulteriori informazioni, contattaci

Nella maggior parte dei casi, i motivi principali per cui le grandi imprese decidono di passare al cloud sono l'agilità e la velocità. Con il cloud computing, è possibile avviare migliaia di server in pochi minuti, mentre di norma in locale il tempo richiesto andrebbe dalle 10 alle 18 settimane. Il cloud AWS offre più di 90 servizi per elaborazione, storage, database, integrazione continua, analisi e intelligenza artificiale, tutti a portata di clic. Tra l'idea originale e l'implementazione possono passare pochi secondi.

Sono molti i motivi per cui sempre più clienti passano al cloud. Alcuni desiderano aumentare la produttività di collaboratori e dipendenti. Molti altri eseguono la migrazione per consolidare il data center e razionalizzare i progetti, in particolare i clienti che hanno in programma un'acquisizione o una cessione, oppure che hanno già sperimentato in passato la frammentazione di un'infrastruttura difficile da controllare. Inoltre, esistono aziende che cercano di rinnovare completamente il loro business con le tecnologie più moderne, nell'ambito di un programma di trasformazione digitale di più ampio respiro. Naturalmente, diverse aziende desiderano semplicemente migliorare la redditività riducendo i costi.


AWS può contare milioni di clienti attivi ogni mese; i prodotti AWS vengono utilizzati in modo significativo praticamente in tutti i segmenti verticali esistenti. Nel settore dei servizi finanziari sono presenti Capital One, Intuit, FINRA e Barclays. Nel settore sanitario sono presenti Johnson & Johnson, Merck, Pfizer e Bristol-Myers Squibb. Nel settore petrolifero sono presenti Shell, BP e Hess. Nel settore produttivo, alcuni dei nostri clienti sono GE, Philips e Schneider Electric. Nel settore tecnologico è possibile citare, tra gli altri, Netflix, Samsung, Adobe e Autodesk.

Ogni azienda ha certamente ragioni e vincoli propri, ma alcune motivazioni per l'adozione del cloud sono comuni a tutti i clienti:

Costi operativi

Gli elementi più importanti, per quanto riguarda i costi operativi, sono i costi dei componenti dell'infrastruttura, la possibilità di far corrispondere domanda e offerta, la possibilità di scegliere tra diverse soluzioni, l'elasticità dei costi di base e la trasparenza.

Produttività del personale

Di solito, la produttività può essere aumentata in due modi: eliminando i tempi di attesa che dipendono dall'infrastruttura e accedendo all'ampio ventaglio di oltre 90 servizi AWS, senza i quali sarebbe necessario creare e mantenere soluzioni apposite. In seguito a una migrazione, un aumento della produttività del 30/50% è molto comune.

Riduzione dei costi

La riduzione dei costi è resa possibile dal fatto che non è più necessario aggiornare costantemente l'hardware né programmarne la manutenzione. La maggior parte dei clienti non vogliono più sentir parlare dei costi e della fatica necessari per rinnovare macchine e data center.

Resilienza operativa

Potrebbe sembrare ovvio, ma ridurre il profilo di rischio permette anche di ridurre i costi legati alla mitigazione dei rischi. Grazie alle 16 regioni e 42 zone di disponibilità, AWS offre la portata globale ideale per migliorare tempi di attività e ridurre in tal modo i costi relativi ai rischi.

Agilità aziendale

La migrazione nel cloud AWS aiuta ad aumentare il livello generale di agilità operativa. Sarà così possibile reagire alle condizioni economiche in modo più rapido tramite operazioni quali espansione in nuovi mercati, vendita di linee di business e acquisizione di asset che offrano vantaggi sulla concorrenza.


Il percorso verso l'adozione del cloud non è lo stesso per tutte le imprese. Le fasi qui descritte possono essere utili per comprendere alcuni passaggi importanti.

Fasi dell'adozione del cloud

Il percorso verso l'adozione del cloud di solito include le seguenti quattro fasi:

In questa fase, vengono creati progetti di prova per familiarizzare con il cloud e rendersi conto dei suoi vantaggi.

Una volta preso nota dei vantaggi offerti dal cloud, è necessario porre le basi su cui fondare le risorse necessarie per l'adozione del cloud. Deve essere quindi creata una landing zone (un ambiente AWS preconfigurato, sicuro e con più account) con Cloud Center of Excellence (CCoE) e un modello operativo; inoltre vanno garantite la sicurezza e la predisposizione alla conformità.

In questa fase viene eseguita la migrazione nel cloud delle applicazioni esistenti, tra cui quelle mission critical e data center interi; a questo punto l'adozione include una porzione sempre maggiore della dotazione IT aziendale. 

Dal momento in cui l'azienda è operativa nel cloud, è possibile reinventare i processi sfruttando al massimo la flessibilità e le caratteristiche di AWS per trasformare l'impresa, velocizzare il time-to-market e porre maggiore attenzione sull'innovazione.


A volte le migrazioni sono operazioni isolate che trattano materiale legacy; nella maggior parte dei casi, tuttavia, le migrazioni fanno parte di una strategia di trasformazione aziendale di più ampio respiro. Di solito una migrazione nel cloud segue un approccio comune, composto da 5 fasi:

Processo di migrazione

Fase 1: preparazione alla migrazione e pianificazione aziendale

In questa fase si determinano gli obiettivi e vengono previsti i vantaggi futuri. Inizia con alcune attività preparatorie e con lo sviluppo di un business case preliminare per la migrazione. Vanno tenuti in considerazione gli obiettivi aziendali, l'età e il tipo di architettura delle applicazioni esistenti e i relativi vincoli. AWS dispone di diversi partner, tra cui RISC Networks, Atadata, Cloudamize, TSOLogic e Apptio, con ampia esperienza su questa fase.

Fase 2: rilevamento della dotazione e pianificazione

In seguito, sarà necessario conoscere la dotazione IT esistente e le dipendenze tra le applicazioni per poter individuare le strategie di migrazione più convenienti per soddisfare gli obiettivi del business case specifico. Quando la portata della dotazione è chiara e una volta stabilito l'approccio alla migrazione, il caso aziendale è quasi completo. Se il rilevamento completo della dotazione dovesse risultare più complesso del previsto, AWS può mettere a disposizione eccellenti partner quali RISC Networks, Cloudamize e Atadata, oppure è possibile utilizzare AWS Application Discovery Service.

Fasi 3 e 4: progettazione, migrazione e convalida di applicazioni

In queste fasi l'attenzione si sposta alle singole applicazioni, ciascuna delle quali verrà sottoposta a una fase di progettazione, di migrazione e di convalida. Ogni applicazione viene riprogettata, migrata e convalidata secondo una delle sei strategie applicative più comuni ("le 6 R"). Una volta ottenuta una prima esperienza mediante la migrazione di qualche app e stabilito un piano, la migrazione può essere velocizzata ed è possibile ottenere elevata scalabilità. Anche in questo caso, diversi partner quali Cloudendure, CloudVelox, Atadata, Racemi e Attuinity potranno fornire i propri servizi; in alternativa sarà possibile impiegare AWS Server Migration Service (SMS) e AWS Database Migration Service (DMS).

Fase 5: funzionamento

Una volta completata la migrazione delle applicazioni, si procederà all'iterazione sul nuovo sistema, quindi saranno disattivati i vecchi sistemi e l'iterazione procederà su un modello operativo moderno. Il modello operativo diventerà un insieme di persone, processi e tecnologie che migliorerà costantemente con il progredire della migrazione delle applicazioni. AWS dispone di diversi partner, tra cui AppDynamics, NewRelic e Dynatrace, in grado di aiutare a proseguire nell'iterazione del modello operativo nel corso del trasferimento nel cloud.

Molte aziende in genere cominciano a valutare le modalità di migrazione durante la seconda fase del processo, ovvero quando viene completato l'inventario delle applicazioni nell'ambiente e viene stabilita la strategia di migrazione per ciascuna di esse. I sei approcci illustrati di seguito sono strategie di migrazione comuni ideate sulla base delle 5 R descritte da Gartner nel 2011.

È importante conoscere in modo approfondito quali strategie sono più adatte a determinate parti di una dotazione. È anche importante ricordare che anche se una delle sei strategie è più adatta per migrare alcune applicazioni di una dotazione, per altre parti della stessa dotazione potrebbe essere meglio impiegare una strategia differente.

Strategie di migrazione delle applicazioni

1. Trasferimento di host

Negli scenari di migrazione legacy in cui un'azienda desidera implementare rapidamente la migrazione e ricalibrare le risorse in base a un caso aziendale specifico, spesso la maggior parte delle applicazioni viene trasferita di host. Nella maggior parte dei casi, il rehosting può essere automatizzato con strumenti come AWS SMS, anche se in alcuni casi potrebbe essere preferibile procedere manualmente e apprendere come applicare i sistemi legacy nel cloud.

Alcune applicazioni, inoltre potranno essere più semplici da riprogettare quando sono già nel cloud. Questo può accadere sia perché nel frattempo l'azienda avrà acquisito le competenze necessarie per ottenere questo risultato, sia perché la parte più complessa, la migrazione di applicazione, dati e traffico, è già stata completata.

2. Trasferimento di piattaforma

Questo scenario prevede una fase di ottimizzazione per il cloud, che consentirà di ottenere vantaggi importanti senza dover modificare l'architettura core dell'applicazione. Ad esempio è possibile ridurre la quantità di tempo spesa nella gestione delle istanze di database effettuando la migrazione in un servizio di database relazionale gestito come Amazon Relational Database Service (RDS), oppure eseguire la migrazione dell'applicazione in una piattaforma completamente gestita come AWS Elastic Beanstalk.

3. Acquisto di nuove risorse

Questa strategia prevede l'utilizzo di prodotti differenti e implica di solito che l'azienda è disposta a modificare il proprio modello di licenza. Per i carichi di lavoro per cui esiste la possibilità di passare a nuove versioni, potrebbe anche fornire nuove funzionalità e un'implementazione più lineare.

4. Rifattorizzazione o creazione di una nuova architettura

In genere, questa migrazione è dettata dalla necessità di aggiungere nuove caratteristiche, ricalibrare le risorse o migliorare le prestazioni di un'applicazione, obiettivi difficili da raggiungere nell'ambiente corrente. Se l'azienda desidera potenziare l'agilità o migliorare la continuità con un trasferimento in un'architettura orientata ai servizi, questa strategia potrebbe essere quella giusta, anche se spesso si tratta della soluzione più costosa.

5. Smantellamento

Identificare gli asset IT non più utili e che possono essere disattivati può supportare il business case e indirizzare l'attenzione sulle risorse da conservare in quanto ancora ampiamente utilizzate.

6. Conservazione

In alcuni casi, può essere opportuno conservare alcune parti della dotazione IT, magari perché alcune applicazioni non sono pronte per la migrazione e risultano più utili in locale, oppure perché non è il momento di fornire priorità e apportare nuovamente modifiche a un'applicazione aggiornata da poco.


Sono disponibili diversi strumenti che possono aiutare ad automatizzare la migrazione di applicazioni:

AWS Server Migration Service
AWS Database Migration Service
VMware Cloud on AWS

AWS Server Migration Service (SMS) è un servizio agentless che semplifica e velocizza la migrazione di migliaia di carichi di lavoro locali in AWS. AWS SMS consente di automatizzare, programmare e monitorare repliche incrementali di volumi di server attivi, rendendo molto più facile coordinare migrazioni di server su larga scala.

AWS Database Migration Service (DMS) aiuta ad eseguire la migrazione di database in AWS in modo semplice e sicuro. Il database di origine resterà completamente operativo anche durante la migrazione, per ridurre al minimo le interruzioni delle applicazioni che lo utilizzano. AWS Database Migration Service consente di migrare i dati da e verso la maggior parte dei database commerciali e open source più utilizzati.

VMware Cloud on AWS è una soluzione, attualmente in fase di anteprima, che permette di eseguire carichi di lavoro VMware nel cloud AWS. I clienti potranno impiegare il software di virtualizzazione e gestione di VMware per distribuire e gestire in modo ottimizzato i carichi di lavoro VMware sia in locale sia nell'ambiente AWS. Questa nuova offerta consente ai clienti di sfruttare gli investimenti esistenti in strumenti e competenze VMware per avvalersi della flessibilità e della convenienza del cloud AWS.

S3 Transfer Acceleration

Amazon S3 Transfer Acceleration rende più rapidi i trasferimenti di dati via Internet in Amazon S3. È possibile sfruttare al massimo la banda disponibile indipendentemente dalla distanza o dalle fluttuazioni di velocità di Internet, anche senza client speciali o protocolli di rete proprietari. È sufficiente modificare l'endpoint utilizzato con il bucket S3 per applicare automaticamente la velocità maggiorata.

AWS Snowball

AWS Snowball è una soluzione di trasferimento dei dati con capacità nell'ordine dei petabyte che usa appliance sicure per trasferire grandi quantità di dati da e verso AWS. L'utilizzo di Snowball consente di risolvere alcuni dei problemi più comuni dei trasferimenti di dati su larga scala, tra cui gli elevati costi di rete, la durata del trasferimento e la sicurezza.

AWS Snowmobile

AWS Snowmobile è un servizio di trasferimento di dati con capacità nell'ordine degli exabyte utilizzato per spostare volumi estremamente elevati di dati in AWS. Permette di trasferire fino a 100 PB per ogni Snowmobile, un container di spedizione rinforzato lungo quasi 14 metri trainato da un semirimorchio. Snowmobile semplifica il trasferimento di enormi volumi di dati nel cloud, ad esempio librerie video, repository di immagini o addirittura interi data center.

AWS Direct Connect
Amazon Kinesis Firehose

AWS Direct Connect consente di stabilire una connessione di rete dedicata tra la tua rete e una delle sedi di AWS Direct Connect. Grazie alle VLAN 802.1q standard di settore, la connessione dedicata può essere partizionata in diverse interfacce virtuali. In questo modo sarà possibile utilizzare la stessa connessione per accedere sia a risorse pubbliche mediante spazio di indirizzi IP pubblico (ad esempio oggetti memorizzati su Amazon S3), sia a risorse private mediante spazio di indirizzi IP privato (ad esempio le istanze Amazon EC2 in esecuzione in Amazon Virtual Private Cloud o VPC), senza sacrificare la separazione di rete tra l'ambiente pubblico e quello privato. Le interfacce virtuali possono essere riconfigurate in qualsiasi momento in base alle esigenze.

Amazon Kinesis Firehose è il mezzo più semplice per caricare flussi di dati in AWS. È in grado di acquisire e caricare automaticamente flussi di dati in Amazon S3 e Amazon Redshift per ottenere analisi in tempo reale con gli strumenti di business intelligence e i pannelli di controllo già in uso. Si tratta di un servizio completamente gestito che ridimensiona automaticamente le risorse in base al throughput dei dati e non richiede alcuna attività di amministrazione durante il funzionamento. Inoltre può elaborare in batch, comprimere e crittografare i dati prima del caricamento, riducendo al minimo lo storage utilizzato e migliorando il livello di sicurezza. Per creare e configurare un flusso di distribuzione di Firehose e bastano pochi clic nella Console di gestione AWS; in pochi minuti il servizio inizierà a inviare nel flusso dati provenienti da centinaia di migliaia di origini dati, caricandoli senza soluzione di continuità in AWS.

Molte grandi imprese stanno trasferendo una dotazione di 2.000 applicazioni che includono oltre 600 fornitori. Durante questo processo, le aziende spendono ore, settimane o anche mesi analizzando i propri contratti e ricercando le clausole per poter trasferire i prodotti software correnti.

AWS Marketplace permette ai clienti di scegliere tra oltre 3.500 prodotti software provenienti da oltre 1.100 partner tecnologici con cui è possibile rendere le migrazioni più rapide e più semplici. Il Marketplace contiene oltre 400 prodotti con licenza BYOL, grazie alla quale il cliente può utilizzare prodotti di cui già dispone di licenza, in aree quali sicurezza, rete, storage, business intelligence, database e molte altre.

Esplora AWS Marketplace

AWS Marketplace

AWS Migration Acceleration Program (MAP) è stato progettato per aiutare le aziende ad eseguire la migrazione dei carichi di lavoro esistenti in Amazon Web Services. Offre una metodologia particolarmente utile per le migrazioni di materiale legacy e un set di strumenti affidabili per automatizzare e velocizzare le operazioni negli scenari di migrazione più comuni.

Ulteriori informazioni su AWS Migration Acceleration Program »

AWS MAP
AWS CAF

AWS ha messo a frutto la propria esperienza con un gran numero di clienti e ha creato AWS Cloud Adoption Framework (AWS CAF) per aiutare le aziende a sviluppare un piano di adozione del cloud efficace ed efficiente. Le linee guida e le best practice incluse nel framework saranno estremamente utili per creare un approccio completo al cloud computing ad ogni livello dell'organizzazione e per l'intero ciclo di vita IT. Ad alti livelli, AWS CAF fornisce linee guida in sei aree di interesse. Queste aree di interesse sono chiamate prospettive.

In generale, le prospettive relative agli aspetti aziendali, al personale e alla governance sono focalizzate sulle capacità aziendali, mentre quelle relative alla piattaforma, alla sicurezza e alle operazioni sono focalizzate sulle capacità tecniche. Per creare un piano d'azione, un'azienda può identificare le lacune in competenze e processi che dovranno essere colmate nell'ambiente cloud futuro.

Scarica il whitepaper relativo alla panoramica su AWS CAF »

Le grandi imprese che effettuano la migrazione in AWS necessitano di competenze, strumenti e corrispondenza tra processi aziendali e strategia IT. Molte aziende velocizzano la migrazione e i relativi risultati collaborando con i partner. Il programma Competency per partner AWS premia i partner che hanno dimostrato di semplificare l'utilizzo dei servizi AWS.

I partner con competenze di migrazione AWS forniscono soluzioni o mettono a disposizione la propria esperienza per aiutare le aziende a trasferire applicazioni e infrastruttura legacy in AWS, attraverso tutte le complesse fasi della migrazione: rilevamento, pianificazione, migrazione e produzione.

Ulteriori informazioni sui partner AWS con competenze di migrazione »

Partner AWS
Servizi professionali di AWS

Il team di servizi professionali di AWS sa cosa significhi passare al cloud perché ha aiutato migliaia di aziende e istituzioni pubbliche a raggiungere i propri obiettivi ad ogni livello dell'adozione di AWS. Operando in 20 paesi, dispone della portata globale e dell'esperienza necessarie per aiutare qualsiasi azienda.

Ulteriori informazioni sul team di servizi professionali di AWS

Anche se tutte le migrazioni ben riuscite hanno diversi elementi in comune, non esiste una soluzione uguale per tutti per individuare il miglior approccio. AWS ha raccolto la propria esperienza nel trasferimento di dotazioni IT nel cloud e ne ha sviluppato un eBook contenente le best practice e le strategie considerate utili da moltissimi clienti.

Scarica l'eBook Migrating to AWS »

Ebook AWS
Blog AWS Enterprise Collection

Il blog AWS Enterprise Collection include una serie di articoli relativi all'adozione del cloud computing da parte di grandi aziende. Questi articoli contengono best practice, consigli e testimonianze dirette di leader e clienti AWS sulle loro esperienze di cloud computing.

Segui da subito »

Contattaci