Engie_logo@1x

ENGIE crea un Common Data Hub basato su AWS e accelera la transizione verso un'energia a emissioni zero

2021

ENGIE, uno dei più importanti fornitori di utenze domestiche in Francia e un attore globale nella transizione verso un'energia a emissioni zero, produce, trasporta e vende elettricità, gas e servizi energetici. ENGIE è una compagnia con una struttura decentralizzata che conta 160.000 dipendenti e gestisce 25 unità operative nel mondo secondo un modello di deleghe e responsabilizzazione. La base clienti globale decentralizzata di ENGIE aveva accumulato una quantità elevata di dati, per cui erano necessari un approccio e una soluzione univoci e più intelligenti per uniformare le iniziative e fornire dati che potessero essere importati, organizzati, gestiti e condivisi in tutte le unità operative nel mondo.

Nel 2018 ENGIE ha deciso di accelerare la sua trasformazione digitale puntando sui dati e sull'innovazione per diventare una compagnia incentrata sui dati. L'obiettivo principale di ENGIE era quello di creare un repository dei dati aziendale, il Common Data Hub, che rappresentasse una soluzione comune per clienti e unità operative. Il Common Data Hub ha aiutato le unità operative di ENGIE a semplificare l'importazione, l'archiviazione, la condivisione e l'utilizzo di set di dati attraverso una piattaforma unificata e un ambiente altamente protetto, il che ha permesso alla compagnia di aumentare la produttività, fare previsioni accurate in merito alla produzione di energia e offrire nuovi servizi ai clienti. 

ENGIE ha utilizzato Amazon Web Services (AWS) per creare il Common Data Hub, una soluzione personalizzata che si basa su un data lake distribuito a livello globale e su soluzioni di analisi in AWS. Il Common Data Hub rappresenta un incentivo all'innovazione perché semplifica l'accesso ai dati e dota i team di un set completo di strumenti di analisi. AWS Professional Services ha fornito supporto a ENGIE durante la progettazione e l'implementazione della soluzione, oltre che nella creazione di un team di assistenza interno (il team data@ENGIE) che si occupa dell'evoluzione e del funzionamento della piattaforma Common Data Hub.

In che modo ENGIE sfrutta i dati e le analisi AWS per essere a impatto zero

Identificare il bisogno di avere dati più intelligenti

La clientela di ENGIE è molto diversificata e comprende sia clienti retail sia aziende di grandi e grandissime dimensioni. La compagnia incoraggia sempre di più i clienti a produrre energia in maniera autonoma, servendosi di asset decentralizzati, come i pannelli solari e i parchi eolici. Durante la sua transizione verso la decentralizzazione, ENGIE si era resa conto che il software per la pianificazione delle risorse aziendali SAP (Systems, Applications, and Products in Data Processing) necessitava di un aggiornamento. Aveva bisogno di un metodo standardizzato di raccolta e di analisi dei dati per aiutare i clienti nella gestione delle catene di valore. "Avevamo bisogno di utilizzare i dati per misurare il consumo e prevedere i volumi di produzione di elettricità in base alle previsioni meteorologiche, per esempio", dice Gregory Wolowiec, responsabile del team tecnologico alla guida dello sviluppo e della distribuzione dei programmi di dati di ENGIE. Wolowiec cita anche problemi di isolamento e di disomogeneità tra i paesi: "Ogni paese attuava soluzioni diverse, non c'era condivisione tra le diverse parti della compagnia. Per noi invece era di fondamentale importanza poter raccogliere e condividere i dati in maniera ottimizzata in tutto il mondo". 

Yves Le Gélard, Chief Digital Officer presso ENGIE, spiega che per la compagnia: "La sostenibilità è alla base di tutto. È la nostra ragione d'essere. Aiutiamo le grandi aziende e le metropoli di tutto il mondo a effettuare la transizione verso un'energia a emissioni zero il più rapidamente possibile, perché oggi è questa la priorità per l'umanità". 

Gérard Guinamand, Group Chief Data Officer presso ENGIE, aggiunge: "La nostra strategia in materia di dati è in realtà direttamente legata al nostro scopo. Per poter guidare e mettere in atto la transizione verso un'energia a emissioni zero si devono prima raccogliere dati su ciò che sta accadendo. Ad esempio, quanta anidride carbonica si brucia, dove la si brucia e come ciò si correla con variabili che incidono sull'ambiente, quali il clima, la temperatura e il numero di persone. Tali dati devono essere raccolti, archiviati ed elaborati per consentirci di misurare i progressi e seguire un programma". 

Qualunque fosse stato il metodo adottato da ENGIE, questo doveva garantire un livello di sicurezza elevato ed essere conforme alle normative mondiali. Durante la fase di definizione del Proof of Concept, la compagnia ha vagliato diverse soluzioni con fornitori di cloud locali e globali. "Eravamo convinti che AWS fosse una buona soluzione per più di un motivo: senz'altro per il modello dei costi, ma soprattutto per quanto riguarda l'archiviazione dei dati", dice Wolowiec. ENGIE ha così iniziato a lavorare al grande progetto di dati su AWS a metà del 2018.

Sviluppare il Common Data Hub e distribuirlo nel mondo

Wolowiec descrive il Common Data Hub come "il data lake collaborativo e distribuito che permette a ENGIE di archiviare e condividere dati, quindi di utilizzarli per creare valore". Alla base del progetto c'è Amazon Simple Storage Service (Amazon S3), un servizio di archiviazione di oggetti che offre scalabilità, disponibilità dei dati, sicurezza e prestazioni all'avanguardia nel settore. La soluzione utilizza anche Amazon Redshift, un servizio di data warehouse nel cloud completamente gestito, con capacità nell'ordine dei petabyte e che può eseguire query di dati semistrutturati nel data lake di Amazon S3, dimostrando le potenzialità dell'approccio lake house applicato al data warehousing. 

Grazie ad Amazon Redshift, i clienti possono distribuire in sicurezza i propri data warehouse negli ambienti del Common Data Hub e usufruire delle analisi. Gli amministratori delle unità operative, che gestiscono i cluster Amazon Redshift sul Common Data Hub, possono essere aggiunti ai progetti dell'hub e accedere facilmente ai set di dati in Amazon S3. Grazie al ricco catalogo di set di dati del Common Data Hub, inoltre, possono ottenere informazioni più dettagliate e utili. Il Common Data Hub utilizza Amazon Redshift per due tipologie di accesso ai dati. Grazie ad Amazon Redshift Spectrum è possibile effettuare una query diretta ai bucket S3 del Common Data Hub, mentre Amazon Redshift viene utilizzato come data warehouse assegnato con uno storage interno indipendente. "Utilizziamo la funzionalità Amazon Redshift Spectrum per collegare il data lake Amazon S3 gestito dal Common Data Hub con il data warehouse di Amazon Redshift", dice Wolowiec. 

Tra gli altri servizi AWS impiegati nel Common Data Hub c'è Amazon Kinesis Data Streams (Amazon KDS), un servizio di streaming di dati in tempo reale estremamente scalabile e duraturo. Amazon KDS permette a ENGIE di raccogliere, elaborare e analizzare gli streaming dei dati provenienti dai dispositivi IoT (Internet of Things) in maniera semplificata e in tempo reale, e quindi di ottenere velocemente informazioni utili per effettuare analisi. Inoltre, grazie ad AWS Glue, un servizio ETL (Extract, Transform and Load) completamente gestito per l'estrazione, la trasformazione e il caricamento che opera come repository di metadati, vengono ulteriormente semplificati il trasferimento e la pulizia dei dati. Con Amazon Athena, un servizio di query interattivo che semplifica l'analisi dei dati in Amazon S3 utilizzando SQL standard, i dati possono essere visualizzati da tutte le unità operative di ENGIE. Per approfondire ulteriormente le informazioni fornite dai dati, ENGIE si serve di Amazon SageMaker, un servizio completamente gestito che permette agli sviluppatori e ai data scientist di creare, addestrare e distribuire velocemente modelli di machine learning. 

Per rendere più semplice e uniforme l'adozione a livello globale del Common Data Hub, ENGIE ha messo a disposizione modelli di accelerazione e documenti per aiutare gli amministratori delle unità operative a capire l'importanza dei dati raccolti e ad accedere ai dati nel data lake distribuito. Il Common Data Hub, inoltre, garantisce sicurezza e governance dei dati ad alti livelli. I produttori dei dati possono condividere e controllare l'accesso ai set di dati e ai flussi di lavoro, mentre i consumatori possono richiedere l'accesso ai dati e fruirne. 

L'integrazione dei servizi AWS rappresenta per ENGIE una soluzione sicura, agile e scalabile. Ora diverse unità operative possono utilizzare il framework in base alle esigenze e senza pregiudicare il corretto svolgimento delle operazioni. Grazie alla sua semplicità di utilizzo e alla sua automazione, il Common Data Hub su AWS ha permesso alle unità operative di ENGIE di incrementare rapidamente la produttività. Ciò crea un impatto positivo anche sull'ambiente: ENGIE sfrutta i dati per massimizzare la quantità di energia prodotta dai parchi eolici, contribuendo ad aumentare l'efficacia di questa importante fonte di energia rinnovabile. "Forniamo gli strumenti giusti affinché le entità possano concentrarsi sulla creazione di valore anziché impiegare il tempo per risolvere i problemi tecnici", dice Wolowiec. A luglio 2020, la quantità dei dati raccolti da ENGIE sul Common Data Hub ha raggiunto i 95 TB.

Facilitare un approccio standardizzato dall'alto verso basso

Il Common Data Hub permette di dare vita a una comunità di condivisione dei dati che unisce informazione tecnologica e utenti aziendali e che costituisce le fondamenta della strategia incentrata sui dati di ENGIE. Inoltre, contribuisce ad accelerare l'alfabetizzazione dei dati a tutti i livelli richiesti da ENGIE e aiuta a ottimizzare i processi interni o a creare nuovi servizi incentrati sui dati. Tutte le unità operative sono ora dotate di una soluzione unica per creare più velocemente applicazioni basate sui dati. Al momento, sono oltre 351 i progetti attivi in tutto il mondo che ENGIE ha impostato sul Common Data Hub. La soluzione offerta dal Common Data Hub garantisce piena uniformità perché elimina i silos e permette a tutti i dipartimenti di disporre del medesimo accesso al framework comune. 

Grazie al nuovo metodo di raccolta e condivisione dei dati, ENGIE ha l'opportunità di cambiare il modo di operare. Per raggiungere questo scopo, la compagnia sta creando un hub di dati verticale. L'approccio tradizionale di ENGIE è dal basso verso l'alto, con le unità operative che forniscono i servizi ai clienti nelle rispettive regioni. Tuttavia, per il fatto che molti dei servizi energetici offerti sono gli stessi, questo approccio ha prodotto una inutile duplicazione del lavoro. "Le attività per la generazione di elettricità e soprattutto di energia rinnovabile sono fondamentalmente le stesse ovunque", afferma Wolowiec. "Possiamo usare il Common Data Hub per creare casi d'uso comuni in tutto il mondo. Il nostro prossimo passo è quello di dare vita a un approccio sempre più dall'alto verso il basso, soprattutto per quanto concerne i parchi eolici". 

L'utilizzo dei servizi AWS per la creazione del Common Data Hub ha permesso a ENGIE di creare valore e alle sue unità operative globali di raccogliere, condividere e analizzare i dati in maniera più produttiva. Le unità operative di ENGIE mantengono ancora l'autonomia, ma possono ora beneficiare dei vantaggi dei dati centralizzati, che permettono di raccogliere informazioni dettagliate da casi d'uso simili e di scoprire modi nuovi e più efficienti per fornire energia a tutto il mondo.


Informazioni su ENGIE

ENGIE è una compagnia per la fornitura di energia che opera a livello globale con 25 unità operative in tutto il mondo. Serve milioni di clienti e sviluppa soluzioni integrate in tutta la catena del valore per sostenere la transizione verso un'energia a emissioni zero delle aziende e delle autorità locali.

Vantaggi di AWS

  • 95 TB di dati raccolti in 351 progetti
  • Previsioni energetiche automatizzate
  • Incremento della produttività delle unità operative
  • Massimizzazione dell'energia prodotta dai parchi eolici

Servizi AWS utilizzati

Amazon Kinesis Data Streams (KDS)

Amazon Kinesis Data Streams (KDS) è un servizio di streaming dei dati in tempo reale estremamente scalabile e duraturo. È in grado di acquisire e memorizzare in modo continuo diversi gigabyte di dati al secondo da centinaia di migliaia di origini. I dati raccolti sono disponibili in millisecondi per attivare analisi in tempo reale dei casi d'uso, quali pannelli di controllo in tempo reale, rilevamento di anomalie in tempo reale, dinamica dei prezzi e molto altro.

Maggiori informazioni »

 

Amazon Redshift

Amazon Redshift è il data warehouse sul cloud più veloce del mondo e ogni anno aumenta la sua rapidità. Viene utilizzato per eseguire carichi di lavoro di analisi da aziende nella classifica di Fortune 500, ma anche da startup e organizzazioni di tutti i tipi.

Maggiori informazioni »

AWS Glue

AWS Glue è un servizio di integrazione dei dati serverless che semplifica l'individuazione, la preparazione e la combinazione dei dati per l'analisi, il machine learning e lo sviluppo di applicazioni. Fornisce alle aziende le funzionalità necessarie per l'integrazione dei dati, in modo che possano iniziare ad analizzare i propri dati e a utilizzarli in pochi minuti anziché in mesi.

Maggiori informazioni »

Amazon Athena

Amazon Athena è un servizio di query interattivo che semplifica l'analisi dei dati in Amazon S3 con espressioni SQL standard. Athena è serverless, dunque non ci sono infrastrutture da gestire e si paga solo per le query realmente eseguite.

Maggiori informazioni »


Inizia

Le aziende di tutte le dimensioni e di tutti i settori stanno trasformando ogni giorno il proprio business grazie ad AWS. Contatta i nostri esperti e comincia subito il tuo percorso verso AWS Cloud.