D: Cos’è Amazon Elastic Transcoder?

Amazon Elastic Transcoder offre ai developer e alle aziende un modo altamente scalabile, semplice da utilizzare e conveniente per la conversione (o "transcodifica") di file multimediali dal loro formato originale in versioni differenti che possano essere riprodotte su dispositivi quali smartphone, tablet e PC.

D: Cosa è possibile fare con Amazon Elastic Transcoder?

Amazon Elastic Transcoder può essere utilizzato per convertire file multimediali in formati di output supportati ottimizzati per la riproduzione su desktop, dispositivi mobili, tablet e televisori. Oltre a supportare un’ampia gamma di formati di input e output, risoluzioni, velocità in bit e in frame, Amazon Elastic Transcoder offre caratteristiche di ottimizzazione automatica di velocità in bit per i video, creazione di miniature, sovrapposizione di filigrane visive, supporto di sottotitoli, creazione di pacchetti DRM, download progressivi, crittografia e altro. Per ulteriori dettagli, consulta la pagina sui dettagli del prodotto.

Inizia a usare AWS gratis

Crea un account gratuito
Oppure accedi alla console

Il piano gratuito di AWS include 750 ore di nodi di cache Micro con Amazon ElastiCache.

Visualizza i dettagli del piano gratuito di AWS »

D: Qual è il vantaggio di utilizzare Amazon Elastic Transcoder?

Amazon Elastic Transcoder gestisce tutta la complessità della transcodifica di media in esecuzione nel cloud AWS. Amazon Elastic Transcoder ti consente di concentrarti sui contenuti, ad esempio i dispositivi che vuoi supportare e la qualità che vuoi fornire, senza dover gestire l’infrastruttura e il software necessari per la conversione. Amazon Elastic Transcoder può essere ricalibrato per gestire i processi di transcodifica su larga scala. Come per tutti i servizi di Amazon Web Services, non ci sono costi aggiuntivi e si pagano solo le risorse effettivamente utilizzate. Offriamo un piano gratuito che ti consente di esplorare il servizio e transcodificare fino a 20 minuti di video SD o 10 minuti di video HD al mese senza costi aggiuntivi. Per le condizioni e ulteriori informazioni sul piano gratuito, consulta la pagina Piano gratuito di AWS

D: Come si inizia a utilizzare Amazon Elastic Transcoder?

Puoi registrarti ad Amazon Elastic Transcoder tramite laConsole di gestione AWS. Poi puoi usare la console per creare una pipeline, configurare un ruolo IAM e creare il tuo primo processo di transcodifica. Per permetterti di testare Amazon Elastic Transcoder, i primi 20 minuti di contenuti SD (o i primi 10 minuti di contenuti HD) transcodificati ogni mese sono gratuiti. Una volta superato il numero di minuti previsto dal piano di utilizzo gratuito, ti saranno addebitati i costi regolari. Non limitiamo l'output né applichiamo alcuna restrizione alle funzionalità del servizio, così potrai metterne alla prova le reali potenzialità. Per le condizioni e ulteriori informazioni sul piano gratuito, consulta la pagina Piano gratuito di AWS. Se non hai un account AWS, puoi crearne uno facendo clic sul pulsante Registrazione nella parte superiore della pagina.

D: Come si utilizza Amazon Elastic Transcoder?

Per usare Amazon Elastic Transcoder, devi avere almeno un file multimediale in un bucket Amazon S3. Il modo più semplice di usare Amazon Elastic Transcoder è tramite la console. Crea una pipeline di transcodifica che collega il bucket Amazon S3 di input al bucket Amazon S3 di output. Crea un processo di transcodifica per convertire il file multimediale, scegli una preimpostazione (un modello) di transcodifica e invia il processo. Il file transcodificato apparirà nel bucket di output appena il processo sarà terminato.

D: Quali strumenti e librerie funzionano con Amazon Elastic Transcoder?

Amazon Elastic Transcoder utilizza un’API JSON; inoltre forniamo SDK per Python, Node.js, Java, .NET, PHP e Ruby. Anche la nuova interfaccia a riga di comando di AWS supporta Amazon Elastic Transcoder. Puoi consultare qui l'elenco completo dei nostri SDK.

D: Posso utilizzare la Console di gestione AWS con Amazon Elastic Transcoder?

Sì. Amazon Elastic Transcoder ha una console alla quale si accede tramite la Console di gestione AWS. Puoi usare la console per creare pipeline, processi e preimpostazioni, oltre che gestire e visualizzare le pipeline e i processi esistenti.

D: Come si caricano i file multimediali in Amazon S3?

Ci sono molti modi per caricare contenuti in Amazon S3, dal semplice strumento di caricamento nella Console di gestione AWS agli approcci programmatici tramite le API. Per i file di grandi dimensioni, consigliamo di usare AWS Import/Export, AWS Direct Connect o soluzioni di accelerazione trasferimento di file disponibili in AWS Marketplace. Per ulteriori informazioni, consulta la documentazione Amazon S3 e il sito Web Media digitali AWS.

D: Come si recuperano i file multimediali da Amazon S3?

I file multimediali possono essere recuperati da Amazon S3 in modo programmatico utilizzando la Console di gestione AWS o uno strumento di terze parti. Si possono anche contrassegnare gli oggetti Amazon S3 come pubblici e scaricarli direttamente da Amazon S3.

D: Si può usare una rete di distribuzione di contenuti (CDN) per distribuire file multimediali?

Sì. Si possono usare facilmente delle CDN per distribuire contenuti; ad esempio, si può utilizzare Amazon CloudFront per distribuire contenuti agli utenti finali a latenza bassa, velocità di trasferimento elevata e senza obblighi. Si può utilizzare un bucket di output in Amazon S3 con i contenuti transcodificati come server di origine per Amazon CloudFront. Per ulteriori informazioni, consulta la pagina dei dettagli di Amazon CloudFront.

D: Quanto tempo richiede una transcodifica?

I processi sono avviati nell’ordine in cui vengono ricevuti nella pipeline. Quando un processo è pronto per la transcodifica, la velocità dipende da molte variabili, come le dimensioni del file di input, la risoluzione e la velocità in bit. Per esempio, se si invia un video di 10 minuti utilizzando le preimpostazioni iPhone 4, ci vorranno circa 5 minuti. Se si ricevono molti processi, vengono messi in backlog (in coda). Nota bene: la velocità di transcodifica può variare da una regione all’altra.

D: Quando termina il processo?

Si possono usare notifiche Amazon SNS per essere informati dei cambiamenti di stato dei processi. Per esempio, puoi ricevere una notifica quando inizia il processo di transcodifica e quando termina. Per ulteriori informazioni sulle notifiche Amazon SNS, consulta la pagina dei dettagli di Amazon SNS.

D: Quanti processi vengono elaborati simultaneamente?

Le pipeline funzionano indipendentemente l’una dall’altra. Ogni pipeline elabora i processi parallelamente fino al limite predefinito per essa. Anche all’interno di ogni processo ogni singolo output viene elaborato parallelamente. Per ulteriori informazioni sui limiti e la capacità, consulta la sezione sui limiti nella Guida per gli sviluppatori di Elastic Transcoder. Per richiedere limiti più elevati, apri un caso di assistenza.

D: Quanti processi si possono inviare?

Attualmente permettiamo al massimo 100.000 processi per pipeline. Se superi questo limite, ricevi il messaggio 429 di richiesta oltre il limite. Se vuoi innalzare questo limite, contattaci su questa pagina.

D: È possibile creare più output per lo stesso processo?

Ogni processo di transcodifica è associato un a un singolo file di input e può creare uno o più file di output. Per esempio, puoi voler creare versioni solo audio o a risoluzione bassa o alta dello stesso file di input nello stesso processo di transcodifica. Il numero di output per processo è limitato. Per ulteriori informazioni sui limiti di Amazon Elastic Transcoder, consulta la documentazione.

Gli output multipli sono fatturati individualmente: ogni output viene fatturato come una transcodifica separata.

D: Come si generano le clip?

Si può creare una clip dal file multimediale di origine nel processo di transcodifica. Bisogna specificare l’ora di inizio e la durata (specificate come HH:mm:ss.SSS o sssss.SSS.) Per eliminare l’inizio di un file, basta specificare l’ora di inizio. Nel processo di transcodifica puoi generare clip di lunghezza diversa (o transcodificare l’intero file) per ciascun output. Ti verrà addebitata solo la durata dell'output di transcodifica, quindi se disponi di un file di input di cinque minuti e crei un output di un minuto, pagherai solo un minuto di transcodifica. Nota che le frazioni di minuto sono arrotondate, quindi se crei una clip della durata di un minuto e mezzo, ti verranno addebitati due minuti di transcodifica.

D: Come si uniscono le clip?

Specificare due o più file di input da unire per creare un singolo file output nel processo di transcodifica. I file di input vengono uniti nell'ordine specificato. Se desideri aggiungere un bumper video, specificane il relativo file per primo, quindi aggiungi il video come secondo input. Per ciascun input, potrai specificare l'inizio e la durata, consentendo di unire insieme solo le sezioni di ciascun input che desideri facciano parte dell'output. Il costo sarà calcolato sulla durata dell'output della transcodifica, perciò se unisci due file della durata di 5 minuti l'uno e crei un output di 10 minuti, ti verranno addebitati 10 minuti di transcodifica.

D: Cos’è una pipeline di transcodifica, a cosa serve e quante ne posso avere?

Una pipeline è una struttura a coda che gestisce i processi di transcodifica. Una pipeline può elaborare più processi simultaneamente e di solito inizia i processi nell’ordine in cui li ha ricevuti. Spesso i processi finiscono in un ordine diverso, secondo le specifiche del processo. Puoi usare le pipeline come vuoi. Per esempio, puoi inviare processi a pipeline diverse secondo la priorità o la durata di una transcodifica o usare pipeline diverse per gli ambienti di sviluppo, test e produzione. Il numero di pipeline per account AWS è limitato. Per ulteriori informazioni sui limiti di Amazon Elastic Transcoder, consulta la documentazione.

D: Che cosa sono le preimpostazioni di transcodificai?

Una preimpostazione è un modello che contiene le impostazioni che Amazon Elastic Transcoder deve applicare durante il processo di transcodifica, per esempio, il codec et la risoluzione che vuoi nel file transcodificato. Quando crei un processo, devi specificare quale preimpostazione vuoi usare. Forniamo preimpostazioni per creare file multimediali che possono essere riprodotti su qualunque dispositivo e preimpostazioni per dispositivi specifici. Per ottenere la massima compatibilità, scegli una preimpostazione ampia che crea un output compatibile con una vasta gamma di dispositivi. Per una qualità ottimale e le dimensioni del file, scegli una preimpostazione ottimizzata che crea un output per un dispositivo specifico o una classe di dispositivi.

D: Che cosa faccio se nessuna delle preimpostazioni di transcodifica va bene per me?

Puoi creare le tue preimpostazioni personalizzate sulla base di una preimpostazione esistente. Quando hai creato una preimpostazione personalizzata, questa è disponibile sul tuo account AWS per il servizio Amazon Elastic Transcoder in una regione specifica. Per ulteriori informazioni sulle preimpostazioni, consulta la Guida per gli sviluppatori di Amazon Elastic Transcoder. Il numero di pipeline per account AWS è limitato. Per ulteriori informazioni sui limiti di Amazon Elastic Transcoder, consulta la documentazione.

D: Perché si deve assegnare un ruolo a una pipeline di transcodifica?

Amazon Elastic Transcoder utilizza i ruoli AWS Identity and Access Management (IAM) per consentire un controllo di accesso sicuro ai tuoi asset multimediali. Il ruolo IAM stabilisce una policy che definisce i permessi per accedere alle risorse Amazon S3 Si possono assegnare ruoli diversi a pipeline diverse e un amministratore IAM può creare ruoli specifici per l’utilizzo con Amazon Elastic Transcoder. Ulteriori informazioni su IAM sono reperibili qui.

D: Come si configurano i ruoli per renderli più restrittivi?

Per modificare e creare nuovi ruoli IAM si può utilizzare la Console di gestione AWS. I ruoli IAM creati da Amazon Elastic Transcoder sono visibili nella Console di gestione AWS e possono anche essere modificati.

D: Come si usano le notifiche?

Amazon Elastic Transcoder usa Amazon SNS per notificare eventi specifici. Puoi scegliere di ricevere notifiche sull’inizio o sulla fine dei processi, sui preavvisi e sugli errori. Ogni tipo di evento è assegnato a un argomento SNS ed è possibile usare lo stesso argomento o argomenti diversi per ogni evento. La console Amazon Elastic Transcoder creerà un argomento SNS per te o puoi specificarne uno esistente.

D: Qual è il vantaggio di utilizzare le notifiche?

Le notifiche sono un modo per verificare lo stato di transcodifica molto più efficace del polling delle API. Le notifiche permettono di essere avvertiti su eventi specifici che accadono nel sistema. Ad esempio, si può ricevere la notifica del termine di un evento. Questo è utile quando si vuole sapere quando un processo ha terminato la transcodifica ed è molto più efficace che chiamare le API 'List Jobs By Status' o 'Read Job’ a intervalli regolari.

D: Perché il mio processo continua a restituire errori?

Il motivo più comune di errore di processo è che il file di input è corrotto. Se ricevi un errore di formato non supportato, non possiamo decodificare il tuo file sorgente e ti invitiamo a fornirci maggiori dettagli sul nostro forum di discussione. Per aiutarti con una diagnosi abbiamo bisogno degli elementi seguenti: ID account AWS, regione e ID processo. Per ottenere una lista di codici di errore, consulta la documentazione.

D: Come si fa a generare più miniature per un processo?

Puoi specificare un intervallo di creazione di miniature in secondi per creare una miniatura ogni n secondi. Per creare miniature di dimensioni differenti, devi creare processi differenti.

D: Posso prenotare un transcodificatore per mio uso esclusivo?

Amazon Elastic Transcoder fornisce un servizio di transcodifica condiviso e non permette che un transcodificatore sia prenotato o assegnato a un cliente individuale.

D: Devo pagare costi di licenza?

Abbiamo ottenuto la licenza della proprietà intellettuale appropriata dalle comunità di brevetti pertinenti per i contenuti transcodificati. Come ogni altro transcodificatore, i clienti sono responsabili della valutazione e, se necessario, dell’ottenimento di licenze per la distribuzione di contenuti in vari formati.

D: È supportata la codifica live?

Amazon Elastic Transcoder è un servizio di transcodifica basato su file e non supporta la codifica live.

D: Ci sono limiti al servizio?

Il numero delle pipeline di transcodifica, delle preimpostazioni di transcodifica e di output per processo è limitato. Molti di questi limiti possono essere modificati caso per caso. Per i limiti attuali, consulta la documentazione.

D: Come si aumentano i limiti di servizio?

Se desideri aumentare i limiti di servizio, contattaci su questa pagina fornendo tutte le informazioni richieste nel modulo. Ti ricontatteremo per discutere delle tue richieste.

D: Dov’è disponibile Amazon Elastic Transcoder?

Amazon Elastic Transcoder è disponibile nelle seguenti regioni AWS: Stati Uniti orientali (Virginia settentrionale), Stati Uniti occidentali (Oregon), Stati Uniti occidentali (California settentrionale), UE (Irlanda), Asia Pacifico (Tokyo), Asia Pacifico (Singapore), Asia Pacifico (Sydney) e Asia Pacifico (Mumbai).

Il servizio è operativo autonomamente in ogni regione, quindi i processi creati in una regione non possono essere trasferiti a un’altra regione.

Si può creare una pipeline di transcodifica in una regione che specifica un bucket Amazon S3 in un’altra regione. Tuttavia, in questo caso, si deve tener presente che saranno addebitati i costi di trasferimento Amazon S3 quando i contenuti vengono letti o scritti in un bucket Amazon S3 situato in una regione diversa da quella in cui viene effettuata la transcodifica.

D: Quando si crea un processo si possono passare metadata?

Hai l’opzione di collegare fino a 10 coppie di valore chiave di metadata personalizzati ai tuoi processi Elastic Transcoder. Questi metadata saranno inclusi nelle notifiche del processo e quando il processo viene letto tramite le API o la console. Queste informazioni vanno fornite nel campo “UserMetadata” in Job object.


D: Quali formati di input sono supportati?

Sono supportati i formati comuni di media Web, consumer e professionali. Gli esempi includono 3GP, AAC, AVI, FLV, MP4 e MPEG-2. Se trovi che un formato non funziona, informaci tramite il nostro forum.

D: Dove si trova un elenco esaustivo dei formati supportati?

Siccome aggiungiamo regolarmente nuovi formati, questo elenco diventerebbe rapidamente obsoleto. Approfitta del piano gratuito e della console per provare un formato non elencato qui sopra e se incontri problemi, faccelo sapere!

D: Quando si creano file MP4, l’avvio rapido è supportato?

L’atomo MOOV di un file MP4 viene individuato all’inizio del file in modo che l’utente possa cominciare la riproduzione immediatamente, senza aspettare che tutto il file sia stato scaricato.

D: I formati Apple ProRes o di cinematografia digitale sono supportati?

Attualmente non supportiamo la riproduzione di file Apple ProRes o i formati di file raw come ARRI e RED.

D: In quali formati di video è possibile effettuare la transcodifica?

Supportiamo i codec video seguenti: H.264, VP9, VP8, MPEG-2, e GIF animate. I formati di file supportati includono il contenitore MPEG-2 TS (per HLS), fmp4 (per Smooth Streaming e MPEG-DASH), MP4, WebM, FLV, MPG e MXF (compatibile con XDCAM). Per informazioni sui formati di file supportati da codec specifici, consulta la pagina dei dettagli del prodotto.

D: In quali formati di audio è possibile effettuare la transcodifica?

Supportiamo i codec audio seguenti: AAC, MP3, MP2, PCM, FLAC e Vorbis. I formati di file solo audio supportati includono MP3, MP4, FLAC, OGA, OGG e WAV. Per informazioni sui formati di file supportati da codec specifici, consulta la pagina dei dettagli del prodotto.

D: Come sono supportate le illustrazioni di album per i file audio?

Le illustrazioni di album sono supportate nei file MP4 contenenti audio AAC, nei file MP3 e nei file FLAC. Le illustrazioni di album non sono supportate nei formati OGA, OGG, WAV, WebM e MPEG-2 TS. Si può specificare se l’illustrazione dell’album dal file va passata nell’output, eliminata o se una nuova illustrazione deve sostituirla o essere aggiunta.

D: Come si crea un file audio da un file video?

Per eliminare il video e creare un output che contiene solo la pista audio, esegui un processo di transcodifica con il file di input e usa una delle preimpostazioni di sistemi di transcodifica che contiene “audio” nel nome. Altrimenti puoi creare una preimpostazione di transcodifica personalizzata solo audio. Il file di output conterrà solo la parte audio del file di input.

D: I formati di audio surround sono supportati?

La parte audio dell’output transcodificato da Amazon Elastic Transcoder è AAC a due canali, MP3 o Vorbis.

D: Il remapping di canali audio è supportato?

Se il file sorgente contiene audio multi-canale, l’output conterrà i primi due canali, che sono spesso le tracce audio sinistra e destra. Per il contenitore MXF, supportiamo più modi per creare un pacchetto audio nel file, incluso l’inserimento opzionale di motor only shots (MOS).

D: Si possono generare video compatibili con XDCAM?

Sì, il modo più facile per generare output compatibili con XDCAM è di specificare una delle preimpostazioni del sistema XDCAM quando si crea un processo di transcodifica. Si può anche creare una preimpostazione personalizzata scegliendo il contenitore MXF con video MPEG-2 e audio PCM.

D: I sottotitoli sono supportati?

Sì, quando si transcodifica un video da un formato all’altro, si possono aggiungere, eliminare o conservare i sottotitoli.

Formati di input supportati:
Sottotitoli incorporati: CEA-608, CEA-708 (solo MPEG-2) e mov-text
Sottotitoli collaterali: DFXP, EBU-TT, SCC, SMPT, SRT, TTML, WebVTT

Formati di output supportati:
Sottotitoli incorporati: mov-text (MP4) e CEA-708 (MP4 e MPEG-TS)
Sottotitoli collaterali: DFXP, EBU-TT, SCC, SMPT, SRT, TTML e WebVTT

I sottotitoli CEA-708 sono incorporati nei dati utente H.264 SEI del flusso.

D: Sono supportate tracce multiple di sottotitoli?

Sì, si può aggiungere una traccia per lingua.

D: Come si creano contenuti per output HLS?

Sono necessarie due fasi:

  1. Si deve creare un processo di transcodifica che contenga output per ogni variante utilizzando una delle preimpostazioni di sistema fornite o la propria, basata sul contenitore MPEG-2 TS e i codec H.264 e AAC. Il flusso di frequenza più basso deve essere un flusso solo audio.
  2. Bisogna specificare nel processo di transcodifica la creazione di una playlist che rinvii agli output. Le velocità in bit vanno ordinate da quella più bassa a quella più elevata, mettendo il flusso solo audio per ultimo, poiché questo ordine sarà mantenuto nel file di playlist generato. Quando il processo di transcodifica è completato, il bucket di output conterrà le playlist master e individuali M3U8 ordinate in modo appropriato e frammenti di flusso multimediale MPEG-2 TS.

Nota bene: quando si seleziona l’opzione HLSv4, gli output devono essere abbinati a preimpostazioni solo audio e solo video. Le preimpostazioni di sistema possono essere identificate dalle parole “Audio” o “Video” nel nome del file. Per esempio, la “Preimpostazione di sistema: Video HLS – 600k”, verrà abbinata all’opzione HLSv4, mentre la "Preimpostazione di sistema: HLS – 600k,” sarà utilizzata con l’opzione HLSv3.

D: Come si creano contenuti per Smooth Streaming?

Sono necessarie due fasi:

  1. Si deve creare un processo di transcodifica che contenga output per ogni variante utilizzando una delle preimpostazioni di sistema fornite o la propria, basata sul contenitore frammentato MP4 e i codec H.264 e AAC.
  2. Bisogna specificare nel processo di transcodifica la creazione di una playlist che rinvii agli output. Quando il processo di transcodifica è completato, il bucket di output specificato nella pipeline di transcodifica conterrà il file manifest ISM, il file client ISMC e i file multimediali frammentati MP4.

D: Come si creano contenuti per lo streaming MPEG-DASH?

Sono necessarie due fasi:

  1. Si deve creare un processo di transcodifica che contenga gli output solo video (con le risoluzioni e velocità in bit desiderate) e l’output solo audio utilizzando sia le preimpostazioni di sistema sia preimpostazioni personalizzate, basate sul contenitore frammentato MP4 con video H.264 e audio AAC.
  2. Si deve creare una playlist MPEG-DASH per un processo di transcodifica selezionando MPEG-DASH come formato di playlist. Bisogna specificare gli output a cui rinvia la playlist. Quando il processo di transcodifica è completato, il bucket di output specificato nella pipeline di transcodifica conterrà il file manifest MPD e i file multimediali frammentati MP4.

D: Devo usare l’opzione HLSv3 o HLSv4?

La versione 3 di HLS è supportata nativamente sui dispositivi iOS 2+ fin dal luglio 2008 e su Android 4.0+ fin dall’ottobre 2011. La versione 4 di HLS è supportata nativamente sui dispositivi iOS 5+ fin dall’ottobre 2011 e su Android 4.4+ fin dal settembre 2013.

Se si possono raggiungere i dispositivi mirati con la versione 4 di HLS, è possibile generare playlist che utilizzano richieste di intervallo di byte, audio late-binding e riproduzione solo in I-frame. Le playlist con richieste di intervallo di byte possono usare sono un file per intervallo di byte e perciò eliminano il bisogno di gestire migliaia di piccoli file di segmenti. L’audio late-binding permette uno streaming dell’audio separato dal video, eliminando lo storage di audio ridondante. La riproduzione solo in I-frame consente le modalità trick-play usate per migliorare l’avanzamento rapido, il riavvolgimento e la ricerca sul video.

D: Si può eseguire lo streaming HLS direttamente da S3?

Sì, le esecuzioni HLS possono essere riprodotte direttamente da S3 puntando il lettore sulla playlist M3U8. Si raccomanda l’utilizzo di un CDN come Amazon CloudFront, che fornisce una migliore esperienza all’utente finale con scalabilità e prestazioni ottimizzate. Consultare la paginaConfiguring On-Demand Apple HTTP Live Streaming (HLS).

D: Ho bisogno di un server di streaming per distribuire contenuti Smooth Streaming?

Di solito la riproduzione Smooth Streaming necessita un server di origine IIS and non è possibile eseguire lo streaming direttamente da S3. Tuttavia, se distribuisci i contenuti con CloudFront puoi semplicemente configurare una distribuzione Smooth Streaming CloudFront per eliminare la necessità di un server di streaming. Consultare la pagina Configuring On-Demand Smooth Streaming.

D: Perché il parametro codec che voglio cambiare non è esposto nell’API?

Quando abbiamo progettato Amazon Elastic Transcoder, abbiamo voluto creare un servizio facile da utilizzare. Per questo motivo, esponiamo solo i parametri codec più comuni. Se hai bisogno di un parametro specifico, informaci tramite il forum.

D: Quali impostazioni devo usare per conservare le dimensioni di un video?

Usa i parametri seguenti nella tua preimpostazione personalizzata:
MaxWidth: auto; MaxHeight: auto; SizingPolicy: ShrinkToFit; PaddingPolicy: NoPad; DisplayAspectRatio: auto

D: Come si ricalibra un output a una larghezza specifica e un’altezza tale da conservare le proporzioni visive del contenuto di origine?

Usa i parametri seguenti nella tua preimpostazione personalizzata:
MaxWidth: [larghezza desiderata]; MaxHeight: auto; SizingPolicy: Fit; PaddingPolicy: NoPad; DisplayAspectRatio: auto

D: Come si limita la larghezza o l’altezza di un video senza tirare l’output per farlo rientrare nei limiti stabiliti e conservando le proporzioni visive dell’input?

Usa i parametri seguenti nella tua preimpostazione personalizzata:
MaxWidth: [limite larghezza desiderato]; MaxHeight: [limite lunghezza desiderato]; SizingPolicy: ShrinkToFit; PaddingPolicy: NoPad; DisplayAspectRatio: auto

D: Quali parametri si devono usare per creare una preimpostazione che permetta al video di output di riempire lo schermo senza deformarlo, rifilando i bordi se necessario (“taglio scelto”)?

Usa i parametri seguenti nella tua preimpostazione personalizzata:
MaxWidth: [larghezza desiderata]; MaxHeight: [lunghezza desiderata]; SizingPolicy: Fill; PaddingPolicy: NoPad; DisplayAspectRatio: auto

D: Quali parametri si devono usare per creare una preimpostazione che permetta al video di output di riempire lo schermo senza rifilatura della zona immagine, deformando l’immagine se necessario (“strizzando” o “tirando”)?

Usa i parametri seguenti nella tua preimpostazione personalizzata:
MaxWidth: [larghezza desiderata]; MaxHeight: [lunghezza desiderata]; SizingPolicy: Stretch; PaddingPolicy: NoPad; DisplayAspectRatio: auto

D: Come si ridimensiona la filigrana con il video?

Nella preimpostazione di transcodifica, i parametri di filigrana HorizontalAlign, VerticalAlign e Target possono essere impostati come si desidera. Poi HorizontalOffset e VerticalOffset vanno impostati con i relativi parametri. Per esempio, per spostare la filigrana a 10% dai bordi, impostare entrambi i valori a 10%.

D: Come si può evitare di deformare la filigrana?

Per evitare la deformazione della filigrana quando l’output di video viene ridimensionato, il parametro SizingPolicy deve essere impostato a ShrinkToFit mentre i parametri MaxWidth e MaxHeight vanno impostati a 100%. L’utilizzo di questi parametri impedirà a Elastic Transcoder l’upsampling, l’espansione o la deformazione della filigrana.

D: Quali parametri si devono usare per mettere la filigrana sulla zona attiva del video invece che sul mascherino?

Per mettere la filigrana in modo che sia sempre sulla parte attiva del video, bisogna utilizzare le dimensioni relative per i parametri MaxWidth e MaxHeight e impostare Target a Content. Per esempio, per ridurre le dimensioni della filigrana a 10% delle dimensioni del video di output attivo, imposta MaxWidth e MaxHeight a 10%.

D: Come si usano più filigrane?

Le preimpostazioni possono specificare i parametri di posizione di quattro filigrane. Ogni impostazione è associata a un ID di filigrana. È possibile creare un processo che include fino a quattro filigrane specificando una serie di filigrane nella chiamata di creazione del processo. Ciascun elemento della serie specifica l’ID dei parametri di filigrana da usare e il file immagine della filigrana.

D: Si possono generare output NTSC o PAL?

Sì, si possono generare output conformi ai protocolli NTSC e PAL. Il modo più facile per generare output conformi ai protocolli NTSC e PAL è di specificare la preimpostazione di sistema NTSC o PAL quando si crea un processo di transcodifica. Con la console bisogna utilizzare il menu a discesa per ogni output del processo di transcodifica.

D: Quanto costa utilizzare Amazon Elastic Transcoder?

Qui sotto sono descritti i prezzi di Amazon Elastic Transcoder. I nostri prezzi non richiedono nessun impegno o un volume minimo di processi. Offriamo anche un piano gratuito che consente di esplorare il servizio ed effettuare fino a 20 minuti di transcodifica per l’output solo audio, 20 minuti di output video SD e 10 minuti di output video HD al mese gratuitamente. Per le condizioni e ulteriori informazioni sul piano gratuito, consulta la pagina Piano gratuito di AWS

 

D: Come vengono fatturati i processi?

I processi di transcodifica vengono fatturati in base alla durata dei contenuti. Per esempio, un media che dura 60 minuti costa il doppio di un media che dura 30 minuti. I contenuti ad alta definizione (HD) costano il doppio di quelli a definizione standard (SD). L’output solo audio ha un costo ridotto rispetto a un output a definizione standard (SD). La tariffa minima per un processo è di un minuto. Non c’è fatturazione per la generazione di miniature, per le chiamate API o per i trasferimenti Amazon S3 nella stessa regione. Per maggiori informazioni, consulta la pagina dei prezzi di Amazon Elastic Transcoder.

 

D: Come vengono fatturate le frazioni di minuti?

Le frazioni di minuti vengono arrotondate. Per esempio, se la durata dell’output è inferiore a un minuto, ti verrà addebitato un minuto. Se la durata di un output è di 1 minuto e 10 secondi, ti verranno addebitati 2 minuti.

 

D: I processi non completati vengono addebitati?

La nostra policy è di non addebitare ai clienti i processi non completati a meno che il numero di processi non completati diventi eccessivo.

 

D: Costa di meno usare più output per processo che usare processi separati?

Quando si usano più output per processo, i costi di transcodifica sono gli stessi quando si inviano più processi per ogni output. Tuttavia, il tempo di elaborazione sarà più rapido per i processi di grandi dimensioni se il file sorgente è solo trasferito dal bucket S3 ad Amazon Elastic Transcoder una volta sola.

D: I prezzi includono le tasse?

Salvo diversamente specificato, i prezzi sono al netto di eventuali tasse e imposte doganali, inclusa l'IVA ed eventuali imposte di vendita. Per i clienti con indirizzo di fatturazione in Giappone, l'utilizzo dei servizi AWS è soggetto all'imposta sul consumo giapponese. Ulteriori informazioni.

D: Gli asset multimediali sono protetti?

Il cliente ha il controllo totale dei propri asset multimediali perché sono memorizzati nei suoi bucket Amazon S3. Per consentire l’accesso a un bucket Amazon S3 specifico, si usano ruoli IAM.

D: Si possono stabilire permessi e opzioni di storage S3?

Amazon Elastic Transcoder ti consente di specificare a quali utenti, gruppi e ID canonici vuoi concedere accesso ai file transcodificati, miniature e playlist, oltre al tipo di accesso che vuoi che abbiano. Puoi anche specificare di memorizzare contenuti transcodificati usando lo Standard o Reduced Redundancy Storage. Consulta la documentazione di Amazon Elastic Transcoder per ulteriori informazioni.

D: Posso usare file multimediali di input crittografati o crittografare i file di output?

Sì. Puoi utilizzare i file parziali crittografati come input ad Amazon Elastic Transcoder o far crittografare l’output dei file transcodificati dal servizio. Le opzioni supportate vanno dall’integrazione completamente gestita con la crittografia lato server di Amazon S3 alle chiavi che puoi gestire personalmente e proteggere utilizzando AWS Key Management Service (KMS). Inoltre, il supporto di crittografia non si limita ai file di video. Puoi proteggere anteprime, sottotitoli e anche filigrane.

D: È supportato il DRM?

Sì, è supportata la creazione di pacchetti per Microsoft PlayReady DRM. La nostra creazione di pacchetti Smooth Streaming è compatibile con Microsoft PIFF 1.1 e la nostra creazione di pacchetti HLSv3 è compatibile con la specifica Discretix 3.0.1 per Microsoft PlayReady.

D: Quali sono le best practice per proteggere i miei media?

Puoi consultare il whitepaper AWS Security Best Practices.

D: È possibile consultare la cronologia di tutte le chiamate API di Amazon Elastic Transcoder su un account per eseguire audit di sicurezza, di operatività e di conformità?

Sì. Per ricevere la cronologia di tutte le chiamate API di Elastic Transcoder effettuate sul tuo account, non devi fare altro che attivare AWS CloudTrail nella Console di gestione AWS di CloudTrail. Per ulteriori informazioni, visita la home page di AWS CloudTrail.

D: Devo configurare AWS KMS prima di usare la crittografia di Elastic Transcoder la creazione di pacchetti DRM?

Sì. Devi prima creare una chiave master AWS KMS e aggiungere il ruolo utilizzato da Elastic Transcoder come utente autorizzato di quella chiave. Elastic Transcoder usa la tua chiave master KMS per proteggere le chiavi di crittografia dei dati che scambia con te.

D: Possono salvare su S3 le chiavi usate per crittografare i flussi HLS?

Sì. Se hai scelto di memorizzare le tue chiavi in S3, Elastic Transcoder le copierà nelle stesse cartelle dei tuoi file di playlist e le chiavi saranno protette usando la crittografia lato server con le chiavi di crittografia Amazon S3 (SSE-S3).

D: Posso usare in rotazione le chiavi utilizzate per HLS con la crittografia AES-128?

La rotazione di chiavi non è supportata. Tutte le copie trasformate e i segmenti di file condividono la stessa chiave.

D: Amazon Elastic Transcoder offre un contratto sul livello di servizio (SLA)?

Attualmente Amazon Elastic Transcoder non offre un contratto sul livello di servizio.