PostgreSQL è diventato il database relazionale open source più usato da molti sviluppatori aziendali e start-up, e ora è alla base delle applicazioni geospaziali e per dispositivi mobili leader di settore. Amazon RDS consente di configurare, utilizzare ed eseguire lo scaling delle distribuzioni MySQL nel cloud con la massima semplicità. Con Amazon RDS è possibile distribuire implementazioni MySQL scalabili in pochi minuti impiegando hardware conveniente e dimensionabile. Amazon RDS consente di gestire attività di amministrazione complesse e dispendiose a livello di tempo quali, ad esempio, installazione e aggiornamento del software PostgreSQL, gestione dello storage, replica con elevati livelli di disponibilità e throughput di lettura e backup per il disaster recovery.


logo_postgresql_sm

Inizia a usare AWS gratis

Crea un account gratuito

Il piano gratuito di AWS include 750 ore di istanze database Micro ogni mese per un anno, 20 GB di storage e 20 GB di backup con Amazon Relational Database Service (RDS).

Visualizza i dettagli del piano gratuito di AWS »

Amazon RDS per PostgreSQL offre le caratteristiche di un comune motore di database PostgreSQL. Ciò significa che il codice, le applicazioni e gli strumenti attualmente già utilizzati con i propri database possono essere impiegati con Amazon RDS.

Con alcuni semplici clic nella Console di gestione AWS sarai in grado di distribuire un database PostgreSQL con parametri di database configurati automaticamente in modo da ottenere prestazioni ottimali. Le istanze database di Amazon RDS per PostgreSQL possono essere acquistate con storage standard o con storage di tipo Provisioned IOPS. Una volta completato il provisioning, è possibile ricalibrare le risorse per ottenere fino a 16 TB di storage e 40.000 IOPS. Amazon RDS per PostgreSQL consente inoltre di ridimensionare le risorse oltre la capacità di una singola distribuzione di database per i carichi di lavoro di database particolarmente gravosi in lettura.

Amazon RDS per PostgreSQL è una soluzione ideata per sviluppatori e aziende che vogliono sfruttare tutte le funzionalità e caratteristiche dei database PostgreSQL oppure che desiderano eseguire la migrazione degli strumenti e delle applicazioni esistenti che utilizzano un database PostgreSQL. Poiché Amazon RDS per PostgreSQL offre accesso diretto ai più comuni software di database PostgreSQL in esecuzione nell'istanza database di Amazon RDS, le applicazioni potranno continuare a funzionare senza problemi.

  • Parametri preconfigurati: le distribuzioni di Amazon RDS per PostgreSQL sono preconfigurate con un set di parametri e impostazioni appositamente pensati per le classi di istanze database selezionate. È così possibile avviare un'istanza PostgreSQL e collegarla all'applicazione in pochi minuti senza ulteriore configurazione. Per chi desidera disporre di maggiore controllo, è possibile utilizzare i gruppi di parametri DB.
  • Monitoraggio e parametri: Amazon RDS fornisce parametri Amazon CloudWatch per le distribuzioni di istanze database senza alcun costo aggiuntivo. È possibile visualizzare i parametri operativi chiave delle distribuzioni di istanze database, inclusi l'utilizzo della capacità di elaborazione, memoria e storage, l'attività I/O e le connessioni dell'istanza database, usando la Console di gestione AWS.
  • Notifiche di eventi del database: Amazon RDS offre le notifiche di Amazon SNS tramite e-mail o SMS per le distribuzioni di istanze database. È possibile utilizzare la Console di gestione AWS o le API di Amazon RDS per ricevere le notifiche relative a oltre 40 eventi del database associati con le distribuzioni Amazon RDS.
  • Patch automatiche per il software: con Amazon RDS, il software PostgreSQL che sostiene la distribuzione sarà sempre aggiornato con le patch più recenti. È possibile avere un maggiore controllo sul processo di applicazione delle patch all'istanza database usando la funzionalità di gestione delle versioni del motore di database.
  • General Purpose (SSD): lo storage a uso generico (SSD) di Amazon RDS fornisce una base costante di 3 IOPS per GB assegnato e offre la possibilità di aumentare le prestazioni fino a 3.000 IOPS.

    È possibile passare da storage su supporti magnetici a storage a uso generico (SSD), con solo un minimo impatto sulla disponibilità.

    Per ulteriori informazioni sullo storage a uso generico (SSD) di Amazon RDS e per iniziare a usarlo, consulta la sezione General Purpose (SSD) Storage della guida per l'utente di Amazon RDS.

  • Provisioned IOPS (SSD): è possibile effettuare il provisioning di un massimo di 16 TB di storage e 40.000 IOPS per istanza database. Le operazioni al secondo ottenute variano rispetto al volume assegnato in base a carico di lavoro del database, tipo di istanza e motore di database. Per ulteriori informazioni, consulta la sezione Factors That Affect Realized IOPS della guida per l'utente di Amazon RDS.

È possibile passare dallo storage standard allo storage IOPS con provisioning per ottenere throughput costante e latenza I/O inferiore. L'impatto dell'operazione sulla disponibilità è minimo. È possibile ricalibrare operazioni al secondo (con incrementi di 1.000) e spazio di storage in modo indipendente e in qualsiasi momento, senza interrompere l'attività. Le operazioni al secondo possono essere calibrate in base a vari fattori, ad esempio alle fluttuazioni stagionali del traffico delle applicazioni.

Per ulteriori informazioni sullo storage Provisioned IOPS (SSD) di Amazon RDS e per iniziare a usarlo, consulta la sezione Provisioned IOPS Storage della guida per l'utente di Amazon RDS.

  • Backup automatici: la funzionalità di backup automatico di Amazon RDS è attiva per default e consente il ripristino point-in-time dell'istanza database. Amazon RDS eseguirà il backup di database e log delle transazioni, archiviando entrambi per un periodo di retention stabilito dall'utente. In questo modo sarà possibile ripristinare l'istanza database a qualsiasi punto nel tempo compreso nel periodo di retention, fino agli ultimi cinque minuti. Il periodo di retention dei backup automatici può essere configurato per un intervallo di tempo massimo di 35 giorni.
  • Snapshot di database: gli snapshot di database sono backup avviati manualmente dall'utente dell'istanza database. Questi backup completi del database saranno conservati da Amazon RDS fino a esplicita richiesta di rimozione da parte dell'utente. È possibile creare una nuova istanza database da uno snapshot DB in qualsiasi momento. È inoltre possibile copiare gli snapshot DB tra regioni AWS per specifici casi d'uso relativi a migrazione geografica o disaster recovery.
  • Classe di istanza database: per ridimensionare le risorse di calcolo e di memoria che sostengono la distribuzione sono sufficienti pochi clic sulla Console di gestione AWS, oppure le API di Amazon RDS. Le operazioni di ricalibrazione vengono solitamente completate in pochi minuti.
  • Storage e IOPS: con il variare delle esigenze di storage è possibile effettuare il provisioning di spazio di storage aggiuntivo in qualsiasi momento e senza tempi di inattività. Se usi lo storage Provisioned IOPS di RDS, puoi calibrare il throughput dell'istanza database specificando il volume di operazioni al secondo, da 1.000 a 40.000 IOPS con incrementi di 1.000, e lo storage, da 100 GB a 16 TB.
  • Implementazioni Multi-AZ: questa opzione di implementazione per le istanza database di produzione incrementa la disponibilità del database ed evita le interruzioni non pianificate degli aggiornamenti più recenti. Quando viene creata o modificata un'istanza database per essere eseguita come distribuzione Multi-AZ, automaticamente Amazon RDS effettua il provisioning e gestisce una replica in "standby" in una zona di disponibilità differente, ovvero in un'infrastruttura separata, fisicamente situata in una sede distinta. Gli aggiornamenti del database vengono eseguiti simultaneamente sulle risorse primarie e su quelle in standby per evitare lo sfasamento della replica. Se si verifica un'interruzione causata da manutenzione programmata del database, da un errore dell'istanza database o da un guasto nella zona di disponibilità, Amazon RDS esegue automaticamente il failover verso le risorse in standby più aggiornate, consentendo una rapida ripresa delle attività senza l'intervento di un amministratore. Non è possibile accedere alle risorse in standby né utilizzarle per il traffico in lettura prima dell'esecuzione del failover. Ulteriori informazioni »
  • Repliche di lettura: la funzione di replica semplifica lo scaling elastico delle risorse oltre la capacità di una singola istanza database per i carichi di lavoro di database particolarmente gravosi in lettura. È possibile creare una o più repliche di un'istanza database sorgente in una regione AWS e gestire elevati volumi di traffico in lettura delle applicazioni da più copie dei dati, incrementando così il throughput totale in lettura. Amazon RDS usa la replica nativa di PostgreSQL per propagare le modifiche apportate a un'istanza database sorgente su tutte le repliche di lettura associate. Ricorda che, poiché sfruttano la replica PostgreSQL standard, le repliche di lettura potrebbero essere eseguite successivamente alle relative istanze database sorgente. Ulteriori informazioni »

Amazon RDS consente di crittografare i database PostgreSQL utilizzando le chiavi gestite mediante AWS Key Management Service (KMS).. Su un'istanza database in esecuzione con crittografia Amazon RDS, i dati salvati a riposo nello storage vengono criptati, così come i backup, le repliche di lettura e gli snapshot.

Utilizzando Amazon VPC, è possibile isolare le istanze database nella propria rete virtuale e collegarle all'infrastruttura IT esistente mediante VPN IPsec con crittografia standard di settore. Per ulteriori informazioni su Amazon RDS nella VPC, consulta la Amazon RDS User Guide. Utilizzando Amazon RDS, inoltre, è possibile configurare le impostazioni del firewall e controllare l'accesso alla rete da parte delle istanze database.

  • PostGIS: PostGIS è un'estensione di database spaziali per i database relazionali a oggetti PostgreSQL. Rende disponibile il supporto di oggetti geografici e pertanto consente di eseguire query relative alle posizioni in SQL.
  • Estensioni del linguaggio: PostgreSQL consente il caricamento dei linguaggi procedurali nel database grazie alle estensioni. In PostgreSQL sono incluse quattro estensioni di linguaggio per il supporto di Perl, pgSQL, Tcl e JavaScript (tramite il motore JavaScript V8).
  • Dizionari di ricerca full text: PostgreSQL supporta la ricerca full text, funzionalità che consente di identificare i documenti in linguaggio naturale che soddisfano una query e facoltativamente ordinarli in base alla relativa rilevanza rispetto alla query. Oltre a ottimizzare la qualità della ricerca, la normalizzazione e la rimozione delle parole non significative, i dizionari consentono di migliorare le prestazioni delle query.
  • Tipo di dati JSON HStore: PostgreSQL include il supporto per il tipo di dati ‘JSON’ e due funzioni JSON. Queste funzioni consentono la restituzione di dati JSON direttamente dal server di database. PostgreSQL dispone di un'estensione che implementa il tipo di dati ‘hstore’ per la memorizzazione di set di coppie chiave/valore all'interno di un unico valore PostgreSQL.
  • pg_stat_statements: l'estensione pg_stat_statements consente di tenere traccia delle statistiche relative a tutte le istruzioni SQL eseguite nell'istanza, ad esempio ID utente, query di estrazione eseguite e tempo totale utilizzato. 
  • Wrapper di dati esterni: l'estensione postgres_fdw consente di accedere e modificare i dati memorizzati in altri server PostgreSQL come se fossero tabelle all'interno dell'istanza database di Amazon RDS per PostgreSQL.
  • Caratteristiche principali del motore PostgreSQL: per un elenco completo delle caratteristiche principali del motore PostgreSQL, fai clic qui.